Governo, ecco i sottosegretari di Matteo Renzi

Ventitre poltrone al Partito democratico, 9 al Nuovo Centrodestra di Angelino Alfano, 4 ciascuno a Scelta Civica e Per l’Italia dopo la scissione, uno al Psi. Con la distribuzione degli incarichi da sottosegretario si completa la squadra del governo Renzi: accontentati, in pieno manuale Cencelli (in America lo chiamerebbero spoiler system) tutti gli alleati della maggioranza.

Il team di governo di Renzi parte dunque con 62 uomini (compresi i ministri), uno in più del suo predecessore Letta. Renzi ne avrebbe voluti di meno, anche per non smentirsi (alle primarie vinte da Bersani disse che gli sarebbero bastati 10 ministri, in realtà ne ha scelti 16…), ma l’approssimarsi degli impegni del semestre europeo hanno consigliato di infoltire la rosa.

Non mancano le riconferme: Filippo Bubbico, Bocci e Manzione che restano all’Interno, Lapo Pistelli agli esteri con Mario Giro, De Vincenti all’Economia e così via, mentre Giovanni Legnini rimane ma si sposta: da sottosegretario con delega all’editoria all’Economia. I viceministri sono nove: i suddetti Bubbico e Pistelli, Enrico Costa di Ncd alla Giustizia, Enrico Morando (Pd) e Luigi Casero (Ncd) a Economia e Finanze, Carlo Calenda (Sc) e Claudio De Vincenti (Pd) allo Sviluppo economico, Riccardo Nencini a Infrastrutture e Trasporti, Andrea Olivero alle Politiche agricole. Per il resto, a Palazzo Chigi i sottosegretari saranno Luca Lotti (Pd) con delega all’Editoria, Marco Minniti (Pd), riconfermato ai Servizi segreti e Sandro Gozi (Pd).

Agli Interni Gianpiero Bocci (Pd) e Domenico Manzione, un tecnico. Agli esteri Mario Giro (Pi -Popolari per l’Italia) e Benedetto Della Vedova (Sc); alla Giustizia rimane Cosimo Ferri, un tecnico, alla Difesa resta Gioacchino Alfano (Ncd), all’Economia Pier Paolo Baretta, Giovanni Legnini (Pd) e Enrico Zanetti (Sc).; allo Sviluppo Economico Simona Vicari (Ncd) e Antonello Giacomelli (Pd) che avrà la delega alle Comunicazioni, al Lavoro Teresa Bellanova (Pd), Franca Biondelli (Pd), Luigi Bobba (Pd), Massimo Cassano (Ncd), alle Infrastrutture Antonio Gentile (Ncd) e Umberto Del Basso de Caro (Pd), alle Politiche Agricole Giuseppe Castiglione (Ncd); all’ambiente Silvia Velo (Pd) e Barbara Degani (Ncd), all’Istruzione Angela D’Onghia (Pi), Roberto Reggi (Pd) e Gabriele Toccafondi (Ncd). Ai Beni culturali Francesca Barracciu (Pd) e Ilaria Borletti Buitoni (Sc), alla Salute Vito De Filippo (Pd); alle Riforme e Rapporti con il Parlamento Ivan Scalfarotto (Pd), Maria Teresa Amici (Pd), Luciano Pizzetti (Pd); alla Semplificazione e Pubblica amministrazione Angelo Rughetti (Pd), agli Affari regionali Gianclaudio Bressa (Pd).

Comments