Governo e Pd continuano a venderci aria fritta

Economia, lavoro, esteri, italiani all’estero: l’attuale governo e il Pd si sono dimostrati fallimentari in ogni campo. Ricordiamocelo alle prossime elezioni

Matteo Renzi, segretario Pd

Il governo e il Pd continuano a prenderci per i fondelli parlando di ripresa economica, quando la disoccupazione ufficiale oscilla sempre tra l’11 e il 12%, ma in realtà proprio la CGIL ha lanciato, ultimamente, l’allarme di una disoccupazione invece intorno al 18-20%, perché i dati pubblicati non tengono in considerazione coloro che hanno smesso di cercare un impiego, in quanto scoraggiati, e i sottoccupati part-time.

La realtà è che in Italia ci sono così oltre 5 milioni di disoccupati. Di conseguenza è incomprensibile che il nostro Ministro dell’economia, Pier Carlo Padoan, sbandieri una ripresa occupazionale negli ultimi mesi, quando la verità è tutta un’altra.

D’altra parte chi è tornato da poco dalle vacanze estive, trascorse nella nostra Penisola, ha potuto constatare in prima persona la vera situazione in cui si trova il nostro Paese e non ha bisogno di ascoltare la disinformazione del nostro governo a guida Pd. Ora si è inventato il superbonus per tre anni ai giovani neo-assunti per farsi di nuovo solo campagna elettorale, come è stato il precedente bonus degli 80 euro.

Queste ricette non porteranno a nessun cambiamento strutturale nella nostra economia, sono solo degli espedienti ingannevoli che a lungo termine peggioreranno addirittura la situazione. Il governo crede che in questo modo vengano avviati al lavoro circa 300.000 giovani, con lo Stato a dover pagare una parte (circa la metà) del costo del lavoro dei neo-assunti.

Ciò è la dimostrazione palese che siamo governati da incapaci che pur di non mollare la loro poltrona romana, continuano a illudere i giovani, ai quali da alcuni anni non è rimasto che dover emigrare oltreconfine per cercare un’opportunità di impiego e un po’ di dignità. Non bisogna essere degli economisti per capire che in Italia, per far ripartire l’economia, bisogna abbassare innanzitutto la pressione fiscale. Solo così si potranno creare nuovi posti di lavoro e far rinascere le medie e piccole imprese.

Ecco perché alle prossime elezioni politiche, che dovrebbero tenersi nella primavera del 2018, è necessario un cambiamento alla guida della nostra nazione.

Il centrosinistra in questi 5 anni ha decisamente fallito il suo compito in tutti i campi e gli elettori non saranno incoscienti da rinnovare la fiducia a degli emeriti incompetenti.

Silvio Berlusconi, Matteo Salvini, Giorgia Meloni. Centrodestra unito alle Politiche 2018?

Credo che un centrodestra unito possa uscire vittorioso dalle prossime urne, convincendo i moderati e gli indecisi, ma poi non potrà permettersi nessun errore e dovrà farsi carico delle necessità degli italiani che hanno diritto a un lavoro per progettare un futuro più sicuro per sé e i propri figli, oltre a una maggiore sicurezza nelle nostre città in balia purtroppo della criminalità e di un’invasione di immigrati fuori controllo (vedasi autisti di bus presi a calci e pugni, stupri, forze dell’ordine aggredite e picchiate, etc.). E questo governo cosa fa? Per tenerli buoni promette loro addirittura una casa popolare, quando ci sono italiani in lista di attesa da anni.

Se ciò non è una vergogna, ditemi voi come definire questo assurdo atteggiamento del nostro governo di centrosinistra!

Per quanto riguarda la Circoscrizione estero, in particolar modo la ripartizione Europa, mi auguro che gli elettori sappiano dare un voto di rottura con il passato, dato che in questo ultimo decennio, da quando nel 2006 è stato istituito il voto degli italiani all’estero, i parlamentari del Pd che rappresentano la quasi totalità dei 18 eletti, non hanno saputo farsi carico delle nostre problematiche e delle nostre esigenze.

Per esempio dobbiamo continuare a pagare l’IMU sulla prima casa in Italia (tranne i pensionati) insieme a TARI e TASI, oltre al canone RAI direttamente sulla bolletta dell’energia elettrica. Siamo, in poche parole, costretti a pagare tante tasse per quelle poche settimane l’anno che ritorniamo nella nostra terra d’origine che a lungo andare ci costringeranno, a malincuore, a vendere i nostri immobili perché ormai è controproducente tenerli. Infatti, i soldi che siamo costretti a versare allo Stato italiano potremmo utilizzarli per andare a trascorrere le vacanze in un altro paese, come la Spagna o la Grecia.

L’attuale governo e il Pd si sono dimostrati fallimentari in ogni campo, quindi alla prossima tornata elettorale andiamo, innanzitutto, a votare, ma non a favore di chi per 5 anni ci ha venduto solo aria fritta, bensì per un centrodestra che ha a cuore il bene dell’Italia.

Gerardo Petta
Coordinatore Forza Italia per la Svizzera