Gli immobili della Chiesa non saranno più esenti da Imu – di Claudia Crocioni

A partire dal 2013 gli enti religiosi, definiti “non commerciali” dalla norma, dovranno pagare l’Ici su quei locali che invece “commerciali” lo sono e come. Mentre continueranno a essere esenti da imposta comunale tutti gli edifici sorti come luogo di culto. Dunque è avvenuta una netta distinzione fra le attività con scopo di lucro e quelle che non lo sono.

Anche nel caso delle scuole, per le quali ci si chiedeva se potessero definirsi commerciali o meno, Palazzo Chigi risolve così: saranno definite non commerciali tutte le scuole che richiedono una retta pari o inferiore a quella statale (nessuna).

Ad interessarsi alle questioni dell’istruzione privata sono stati i parlamentari del Pdl. Maurizio Lupi, Osvaldo Napoli, Mara Carfagna e il capogruppo Gaetano Quagliariello che ha chiesto al governo l’«interpetazione autentica» della norma, visto e considerato che sembrerebbe esplicata da un testo molto tecnico e pernicioso.

Che destino spetta agli ospedali, alle sedi di partito, ai Caf dei sindacati? Sono anch’essi da considerarsi “commerciali”? Il senatore del Pd osserva:  “La norma sembra voler dire che fino a prova contraria pagano tutti”.

In ogni caso sembra proprio che, adesso più che mai, dalle parti della Chiesa ci si debba appellare al detto benedettino “ora et labora”.

NESSUN COMMENTO

Comments