Giustizia, scure Severino su 295 uffici: ‘riforma epocale’

WCENTER 0SMBBHMDLJ Foto Mauro Scrobogna /LaPresse 17-01-2011 Roma Politica Camera - Comunicazioni del ministro della Giustizia, Paola Severino, sull'amministrazione della giustizia Nella foto: Paola Severino Photo Mauro Scrobogna /LaPresse 17-01-2011 Roma Politics Chamber of Deputies - yearly relation of the minister of justice beside the Chamber of Deputies on the administration of justice in Italy In the picture: Paola Severino

Passa in Consiglio dei ministri la scure del Guardasigillli Paola Severino, che cancella dalla mappa degli uffici giudiziari italiani 37 tribunali (su 166), 38 procure (su 166) e tutte e 220 le sezioni distaccate. ‘Una riforma epocale’, l’ha definita il ministro, che in serata e’ salita al Quirinale per illustrarla al capo delo Stato, Giorgio Napolitano. Ma proteste contro i tagli si levano alte dalla stessa maggioranza che sostiene il Governo, oltre che dall’opposizione, dal territorio e dagli avvocati. Mentre per il vicepresidente del Csm, Michele Vietti, la riforma ‘portera’ una risposta di qualita’ migliore per il cittadino’.

Le cancellazioni avrebbero potuto essere ancora piu’ sostanziose senza i criteri stabiliti dal provvedimento, come ad esempio l’obbligo di permanenza del tribunale nei circondari capoluogo di provincia e la cosiddetta ‘regola del tre’ (non meno di tre tribunali e procure per ciascun distretto di Corte di Appello). Cio’, rileva la nota del Consiglio dei ministri, ‘ha impedito la soppressione di uffici palesemente al di sotto degli standard fissati’, restringendo cosi’ ‘notevolmente l’ambito di intervento sul totale dei 165 tribunali’.

Il taglio c’e’ comunque stato, e non leggero. Il provvedimento, ha sottolineato Severino, ‘cambia la geografia giudiziaria del Paese, ferma all’epoca dell’unita’ d’Italia, quando si girava con le carrozze e non con i treni ad alta velocita”. I risparmi previsti saranno nell’ordine di 50 milioni di euro nel triennio 2012-2014. Ma, ha aggiunto, ‘ci sara’ anche un recupero di efficienza, visto che non sono pochi i casi clamorosi di inefficienza, come sedi con 5 unita’ di personale amministrativo impegnate nel corso di un intero anno ad occuparsi di poco piu’ di un centinaio di procedimenti, usando strutture che costano al cittadino 50 mila euro l’anno’.

In sostanza, ha proseguito il Guardasigilli, ‘si tratta di tagliare rami secchi, cosa di cui ci siamo riempiti la bocca in questi anni’. Ci saranno, ha riconosciuto, ‘critiche, discussioni, ma non e’ una resa alla criminalita’, anzi e’ il modo migliore per combatterla e chi dice il contrario e’ persona non disinteressata’. Sul decreto, ha poi evidenziato Severino, c’e’ stata ‘assoluta unanimita’ del Consiglio dei ministri. Ora spero di convincere la maggioranza in Parlamento: sarebbe comunque un atto di egoismo, di localismo, voler tenere il tribunale sotto casa pur sapendo che e’ un ramo secco. Ho voluto affidare all’iter del Parlamento eventuali ulteriori modifiche in base a criteri precisi perche’ non si possa pensare che si e’ aperto un ‘mercatino’ dei tribunali’.

Le commissioni Giustizia di Camera e Senato dovranno nelle prossime settimane dare un parere solo consultivo – ma politicamente vincolante – sul decreto. Le reazioni negative dei parlamentari non si sono pero’ fatte attendere, in primis dai partiti che sostengono il Governo. Per Giuseppe Marinello (Pdl), ‘e’ gravissimo l’atteggiamento del ministro Severino: non considerare che alcune zone sono fortemente caratterizzate dalla presenza della criminalita’ organizzata rappresenta, di fatto, il piu’ grande favore fatto alla mafia sin dai tempi della trattativa ad oggi’. Marilena Samperi (Pd) ha parlato di ‘occasione mancata: ci saremmo aspettati un lavoro di bisturi mentre, ancora una volta, vediamo usare l’accetta. Con un’azione cosí draconiana si rischia seriamente di mettere in discussione il buon funzionamento del sistema giustizia e provocarne la paralisi’.

Ci sono poi le temute rivendicazioni localistiche, dal Nord al Sud. Tra le cancellazioni piu’ contestate c’e’ quella del tribunale di Chiavari (Ge), appena costruito. ‘Un grave danno per i cittadini e per le comunita’ del Tigullio’, lo ha definito Gabriella Mondello (Udc). Mentre per Michele Scandroglio (Pdl) ‘e’ uno scandalo che siano stati spesi 13 milioni e mezzo di euro per costruire una nuova sede del tribunale che non verra’ utilizzata’. Vannino Chiti (Pd) e Ida D’Ippolito (Udc) hanno chiesto di salvare il tribunale di Lamezia Terme, zona ad alto rischio ‘ndrangheta. Per difendere il tribunale di Tolmezzo (Ud) e’ poi sceso in campo il governatore del Friuli Venezia Giulia, Renzo Tondo. ‘Da parte del Governo – ha lamentato – c’e’ una chiusura, andremo allo scontro’. Il governatore del Piemonte, Roberto Cota, ha difeso i ‘suoi’ uffici giudiziari, che, ha sottolineato ‘non sono ne’ inutili ne’ inefficienti: il taglio viene fatto senza tener conto di quelle che sono le caratteristiche del territorio’. E critiche sono giunte anche da avvocati, sindacati, magistrati. La ‘riforma epocale’ del ministro Severino non avra’ quindi vita facile, ne’ in Parlamento ne’ sul territorio.

NESSUN COMMENTO

Comments