Garavini (Pd) tuona, “a Roma emergenza neofascismo”. Ecco perché

Distrutta una targa commemorativa posta vicino al monumento a Giacomo Matteotti. La deputata commenta l’atto vandalico nel luogo dove il deputato antifascista venne rapito

“Registriamo l’ennesimo episodio di intimidazione neofascista a Roma, a pochi giorni dalla celebrazione del Giorno della memoria. Questa volta si tratta della distruzione di una targa commemorativa posta vicino al monumento a Giacomo Matteotti, il deputato socialista rapito e ucciso dai fascisti nel 1924 per la sua coraggiosa difesa della democrazia parlamentare in via di disfacimento. Si tratta di un atto che conferma quanto nella capitale gli estremisti di destra siano troppo spesso in grado di scorrazzare indisturbati per compiere le loro violenze. Particolarmente grave la vicenda di un minorenne accoltellato a Piazza Cavour mesi fa da giovani neofascisti, individuati solo da qualche giorno. Come pure il moltiplicarsi di episodi di squadrismo, anche in pieno centro storico, nei mesi scorsi”. Così Laura Garavini, della Presidenza PD alla Camera, deputata eletta nella ripartizione estera Europa.

La deputata aggiunge: “Il grave sfregio arrecato al monumento a Matteotti sia l’occasione per una messa in sicurezza di questo sito così significativo per la storia italiana e per una sua maggiore valorizzazione, a vantaggio di una più vasta fruizione da parte dei cittadini, soprattutto giovani”.