Francia, Tolosa: l’assedio infinito al killer dei bambini

A rue Sergent Vigne’, numero 17, e’ una notte speciale. Il buio e’ piu’ buio del solito, tutta l’elettricita’ e’ stata staccata. Sul retro, in strada, sul tetto, ci sono centinaia di uomini neri, le teste di cuoio del RAID. Un camion dei pompieri e’ parcheggiato nel cortile, la scala sale lungo tutti i balconi e finisce in cima all’edificio. Dentro, da solo nel palazzo evacuato, Mohamed Merah, 24 anni, il killer, il Terminator di Tolosa. Per vedere ha acceso una candela. Da ascoltare c’e’ solo il ‘negoziatore’ del RAID.

Cosi’ sta finendo la corsa sanguinaria di un piccolo criminale, disadattato fin dall’adolescenza, gia’ fallito come aspirante paracadutista. Un ragazzo che rubava e aggrediva, che si sentiva forte facendosi filmare in moto in piedi sul sellino e pubblicando quei video su Internet. Genitori separati, una madre che nemmeno oggi ha voluto provare a parlargli al posto del negoziatore dei RAID, un fratello simpatizzante della Jihad e nella cui auto sono stati trovati tanti esplosivi, una fedina penale gia’ irrecuperabile. Insomma, se la Legione straniera non l’ha voluto per motivi di fedina penale, Merah si e’ rivolto verso la Guerra Santa, un paio di soggiorni nei campi dei mujaheddin al confine tra Afghanistan e Pakistan, ma anche li’ non ha primeggiato: la prima volta si e’ fatto arrestare anche a Kandahar, per reati comuni. La seconda, e’ stato rimpatriato per un’epatite.

Erano giorni – troppi, intona gia’ il coro delle polemiche in Francia – che un esercito di inquirenti era sulle sue tracce. Da quando, ha spiegato il procuratore Francois Molins, gli specialisti erano finalmente riuscire a setacciare gli indirizzi IP dei computer che avevano risposto all’annuncio della rivista on line di scambi tra privati, il ‘Boin Coin’. Uno di quelli era quello della madre di Mohamed, che abita al Mirail, la banlieue piu’ violenta di Tolosa. Da li’, il figlio aveva attirato – con l’offerta di comprargli la moto – un militare della caserma del locale reggimento di para’, freddandolo poi a bruciapelo e a tradimento, ‘una morte alla quale non era preparato’, come ha detto oggi il presidente Nicolas Sarkozy. Da sabato, gli inquirenti sapevano. Hanno atteso, probabilmente per essere sicuri, certamente troppo, perche’ lunedi’ Mohamed Merah ha agito nel modo piu’ crudele e disumano, sparando ai bambini.

‘Stava per agire di nuovo’, ha assicurato oggi Claude Gueant, ministro dell’Interno, che parla di ‘due militari e un agente’ gia’ nel mirino di Merah. Il resto, lo hanno fatto alcuni sbagli grossolani del killer, come il ricorso a un meccanico per chiedere come si fa a togliere l’antifurto GPS, il tracker, dallo scooter. Infine, qualche intercettazione telefonica e, ieri sera, in una riunione prima di mezzanotte in Prefettura, la decisione di intervenire.

Alle 3 e 5 minuti e’ scattata la prima offensiva nel quartiere del Cote Pavee’: le teste di cuoio si sono manifestate dietro la porta del sospetto, lui ha reagito duro e ne ha feriti due. Prima ritirata e, poco dopo, secondo attacco. Merah ha reagito ancora, terzo ferito fra gli agenti, e la decisione di cambiare tattica.

Alle 6 sono cominciate le trattative, prima attraverso la porta, poi con un walkie-talkie che il killer ha ottenuto in cambio di una pistola lanciata dalla finestra. Gueant ha subito precisato che di armi ce ne sono ben altre nell’appartamento, di certo una mitraglietta e altre pistole. La giornata e’ proseguita infinita, Merah ha rivendicato la sua appartenenza ad al Qaida, ha detto – sempre citato da Gueant, che ha quasi diffuso in diretta le trattative con il killer ancora in corso – di voler vendicare i bambini di Gaza e di pentirsi soltanto di non aver versato abbastanza sangue. Al momento, il profilo del killer – nonostante gli sforzi degli specialisti – resta piuttosto misterioso. Freddo e calcolatore, terrorista spietato e pronto a tutto, legato davvero ad al Qaida, oppure mitomane o cellula solitaria impazzita con l’unico obiettivo di farsi notare. Soltanto la sua cattura – Sarkozy ha posto come priorita’ di ‘prenderlo vivo’ – potra’ risolvere il mistero.

NESSUN COMMENTO

Comments