Francia, stop a modelle troppo magre. Proibiti i siti web ‘pro anoressia’

La Francia lancia la battaglia contro l’esaltazione della magrezza eccessiva e i pericoli che comporta per la salute fisica e psicologica di giovani e giovanissime. A prendere l’iniziativa e’ stato il deputato della maggioranza socialista Olivier Veran, che ha annunciato che presentera’ due emendamenti alla riforma della sanita’, in discussione in parlamento, contro la magrezza esagerata delle modelle e la propaganda pro-anoressia.

Il primo emendamento prevede l’introduzione del divieto per le agenzie di far sfilare in Francia modelle il cui indice di massa corporea (Bmi) sia inferiore a 18, soglia della denutrizione secondo i parametri fissati dall’Organizzazione mondiale della Sanita’, pena un’ammenda fino a 75 mila euro e fino a 6 mesi di prigione. Il Bmi di ciascuna ragazza dovra’ essere indicato su un apposito certificato medico, siglato da un medico del lavoro abilitato.

"La Spagna l’ha gia’ fatto, l’Italia l’ha gia’ fatto, Israele ha preso delle misure, e’ il momento che anche la Francia faccia qualcosa", spiega ai microfoni di Bfm Tv il deputato, che e’ anche medico specializzato in neurologia, ricordando che l’impatto di questo "messaggio che veicola la moda, in cui le donne devono essere magre a un livello patologico per poter sfilare, e’ molto forte".

Il secondo emendamento prevede invece l’introduzione di un reato di "promozione della magrezza eccessiva", con lo scopo di vietare tutti quei siti Internet detti ‘pro-ana’, che fanno l’apologia dell’anoressia, del rifiuto del cibo e del culto ossessivo del corpo magro. "E’ intollerabile che si possa fare apologia della denutrizione, e che si possa sfruttare a fini commerciali delle persone che si trovano in situazioni di pericolo per la loro salute", ha detto ancora Veran, ricordando che in Francia sono "tra 30 e 40 mila" le persone che soffrono di anoressia, in gran parte adolescenti.

L’iniziativa ha subito raccolto il plauso del ministro della Sanita’ Marisol Touraine, che ha gia’ dichiarato che il governo e la maggioranza socialista sosterranno gli emendamenti. "Quando si e’ modelle, bisogna anche mangiare e prendersi cura della propria salute – ha aggiunto – E’ un messaggio importante rivolto alle ragazzine, alle giovani donne che vedono in queste modelle dei riferimenti estetici".

NESSUN COMMENTO

Comments