Francesco di Giovanni e il suo trio Frenkie’s Jazz Trio a Roma

La tracklist spazia da California dreamin’ dei mitici Mama’s and Papa’s, ripercorre i suoni di Hey Joe di Billy Roberts, Just the way you are di Billy Joel, per toccare intramontabili come Yesterday

Rock in Jazz sbarca nella capitale. Francesco di Giovanni e il suo trio Frenkie’s Jazz Trio presenteranno il loro nuovo album domenica 22 aprile 2018 alle ore 17, presso la Biblioteca Franco Basaglia, in via Federico Borromeo, 67. RockinJazz è il nuovo lavoro discografico di Francesco Di Giovanni, in arte Frankie, che con il suo trio attraversa i grandi capolavori del rock, ma anche di certo pop anni ’60 e ’70.

Di quella musica che ha costruito il grande immaginario collettivo e che viene riassorbita e riletta grazie ai raffinati e potenti strumenti che regala il jazz, ma anche ad una solida cultura chitarristica jazz. Nell’ensemble, al fianco di Frankie sono: Giampiero Merluzzi al basso e Alberto Proietti Gaffi alla batteria.

La tracklist spazia da California dreamin’ dei mitici Mama’s and Papa’s, ripercorre i suoni di Hey Joe di Billy Roberts, Just the way you are di Billy Joel, per toccare intramontabili come Yesterday o Let it be dei Beatles o Knockin’ on heaven’s door di Bob Dylan o Isn’t she lovely e Superstition di Steve Wonder e Jamming di Bob Marley. Poi ci sono i grandi titoli del rock: Light my fire dei Doors, Message in a bottle dei Police, Paint it black dei Rolling Stones. O l’R&B di Otis Redding con The dock of the bay o lo struggente romanticismo, se pur rock, di The house of the rising sun, cavallo di battaglia di The Animals. Una chicca: il cd chiude con i ritmi latini di Deixa isso pra là di Jair Rodriguez.

Come ben spiega Renato Marengo nella sua prefazione all’album: “Rileggere con la scrittura sincopata del jazz l’evoluzione di trent’anni del Rock. Questo fa Frankie nel suo Rock in Jazz che, attenzione, non vuole essere un modo per tradurre in un linguaggio più sofisticato il più popolare rock. Piuttosto per guardare pagine di musica che sono oramai la nostra memoria collettiva da un altro angolo visuale: personale, qua e là forse intimo. La realtà è che chi la musica l’ha studiata, non ha potuto studiare la scrittura rock. Il rock non si insegna nelle scuole o nei conservatori. Il rock è una passione, qualche volta un ricordo: che rimane dentro e segna il ritmo delle emozioni. Ecco: Frankie riguarda le emozioni di allora con il linguaggio della sua passione di oggi, il jazz. Ed è uno sguardo delicato e appassionante.” L’ingresso al concerto è gratuito.

Comments