“Francesca Alderisi ha ragione, il MAIE è davvero la casa degli italiani all’estero” [VIDEO]

Leonardo Metalli, candidato MAIE in Nord e Centro America: “Basta partiti tradizionali, hanno fallito. Vota MAIE”. Intanto Francesca conquista spazio sul Fatto Quotidiano per le chiamate “robocall”…

Francesca Alderisi, a sinistra nella foto, e Antonella Rega negli uffici del MAIE presso la Camera dei Deputati a Roma

Leonardo Metalli, candidato alla Camera dei Deputati con il MAIE nella ripartizione estera Nord e Centro America, con un post su Facebook prende di mira Francesca Alderisi, che si candida al Senato con il centrodestra nella stessa ripartizione estera.

Metalli, giornalista Rai in aspettativa, pubblica un video nel quale Alderisi dichiara convinta: “Se io fossi un italiano nel mondo voterei MAIE. Tu che sei un italiano all’estero, vota MAIE”. E’ uno sport perfetto per il Movimento Associativo Italiani all’Estero.

Metalli scrive: “Guardate questo video. Francesca Alderisi che sostiene il MAIE… e poi si candida con il centrodestra. E pensare che poco prima di Natale ha avuto un incontro nella sede del Movimento Associativo presso la Camera dei Deputati, al termine del quale ha dichiarato “il MAIE è la vera casa degli italiani all’estero“. Ecco, cara Francesca – conclude Metalli -, hai proprio ragione: il MAIE è davvero la casa per tutti noi italiani nel mondo. Basta partiti tradizionali, hanno fallito. Vota MAIE”.

Ecco il video in questione:

Intanto l’ex show girl di Rai Italia è finita sulle pagine del Fatto Quotidiano, perché a decine di italiani residenti negli Usa è arrivato un suo messaggio vocale di propaganda elettorale.

Lo abbiamo raccontato qualche giorno fa su ItaliaChiamaItalia, gli utenti social non stanno reagendo per niente bene alle telefonate di Francesca. “Ci affidiamo a società esterne. Sull’uso dei numeri è tutto legale”, sostiene la candidata. Sapete chi è il tuo mandatario elettorale? Suo padre, Agostino: “Quelle chiamate si chiamano robocall e sono regolamentate dalla legge americana”. Ma sui social gli expat si lamentano: “Spam, chi vi ha dato il mio numero?”.

Comments