Fisco e giovani italiani all’estero, il VIDEOblog di Marco Fedi (Pd)

“La doppia tassazione rischia di non essere mitigata dal meccanismo del credito di imposta se i soggetti interessati non fanno la dichiarazione dei redditi in Italia”

Marco Fedi

Marco Fedi, deputato Pd eletto all’estero e residente in Australia, interviene nel suo ultimo videoblog sul tema del fisco per i giovani all’estero, chiarendo le attuali disposizioni ed i rischi per la doppia tassazione.

“Molti italiani emigrati all’estero per lavoro, soprattutto giovani, sono esposti al rischio molto concreto di essere assoggettati alla tassazione concorrente (doppia) sul reddito da lavoro da loro prodotto nel caso in cui non si siano iscritti all’AIRE, ovvero sia alla tassazione nei paesi di attività che in Italia”, spiega Fedi, che prosegue: “La doppia tassazione rischia di non essere mitigata dal meccanismo del credito di imposta se i soggetti interessati, che hanno mantenuto appunto la residenza in Italia, non fanno la dichiarazione dei redditi in Italia ogni anno – come previsto dal TUIR (art. 165) e dal principio della “World Wide Taxation” (artt. 2 e 3)”.

“La questione è tutt’altro che marginale – sottolinea il deputato – poiché coinvolge certamente decine, forse centinaia, di migliaia di persone emigrate negli anni passati e che continuano a farlo attualmente. A questo proposito, sono intervenuto già da settimane con diverse iniziative parlamentari (interrogazione) e ho scritto al Presidente del Consiglio Gentiloni e al Ministro dell’Economia e delle Finanze Padoan. Continuerò a seguire la problematica per arrivare a soluzioni adeguate. Non mancherò di tenervi aggiornati. Per approfondire la questione potete consultare il mio sito www.marcofedi.it”.