Festa dei Popoli a Roma – di Beatrice Boero

Un interessante evento si rinnova a Roma. Domenica 20 maggio a partire dalle 9 del mattino e per tutta la giornata presso la piazza e la Basilica di San Giovanni in Laterano avrà luogo la ventunesima edizione della “Festa dei Popoli”: un grande appuntamento dedicato all’incontro con e fra i numerosi popoli migranti risiedenti a Roma. Tema di questa edizione l’ospitalità nella doppia accezione contenuta nella parola ospite, che è sia chi accoglie sia chi viene accolto. Certi che la cultura dell’ospitalità richieda la formazione di entrambi.

Organizzata dai Missionari Scalabriniani, dalla Famiglia Scalabriniana, dagli uffici Migrantes e la Caritas della Diocesi di Roma, in collaborazione con le comunità etniche ma anche con le Acli provinciali, con il Comune e la Provincia di Roma, questa grande festa testimonia l’importanza pastorale ed ecclesiale delle comunità migranti nel tessuto della Diocesi Capitolina. In programma stand, musica, gastronomia, spettacoli, incontri. La tradizionale Messa di Mezzogiorno sarà celebrata da Monsignor Guerino Di Tora, vescovo ausiliare per la Diocesi di Roma, Segretario della Conferenza Episcopale Laziale. La rappresentanza degli stranieri a Roma, attiva e più che mai visibile, dice come la città eterna sia davvero un crogiuolo di razze ma anche un luogo dove le differenze convivono esprimendosi attraverso le tradizioni religiose. Sono uomini e donne, famiglie con figli, studenti e giovani che quotidianamente incontriamo. Svolgono diverse occupazioni e contribuiscono notevolmente al bene della collettività. Il fenomeno della mobilità umana vede nel mondo intero oltre 200 milioni di persone vivere in una nazione in cui non sono nate.

Sensibilizzando la comunità cristiana all’accoglienza in nome della fede ed invitando tutti ad adoperarsi perchè vengano cancellate le cause che determinano le migrazioni, la Festa dei Popoli vuole offrire un contributo concreto all’intelligenza della condivisione, l’accettazione dell’alterità, al coraggio della convivenza.

La manifestazione ha la durata di una giornata. Il programma prevede: alle ore 9 accoglienza e visita degli stand, conferenze e dibattiti, giochi ed animazione; alle ore 12 Celebrazione Eucaristica nella Basilica di S. Giovanni in Laterano presieduta da S. Ecc. Mons. Guerino DI TORA, vescovo ausiliare per la Diocesi di Roma, Segretario della Conferenza Episcopale Laziale. Alle ore 13 degustazione di prodotti gastronomici tipici; alle 15 Spettacolo di rassegna folklorica, laboratori e workshops eseguiti in varie postazioni dislocate lungo la piazza da artisti ed animatori. La manifestazione terminerà alle ore 19 con l’estrazione della lotteria e balli etnici.

NESSUN COMMENTO

Comments