F1, test Bahrain: Williams Massa decolla, Red Bull atterra

La super prova della Williams di Felipe Massa, il ritorno all’inferno della Red Bull e una Ferrari a singhiozzo. Nel penultimo giorno di test in Bahrain in vista del via della stagione 2014 di Formula 1, piu’ che la rincorsa dei team al miglior tempo continua a fare impressione il momento no della scuderia campione del mondo che oggi con Sebastian Vettel non e’ riuscita a fare nemmeno un giro: ”in questo momento – ha detto il pilota tedesco – abbiamo diversi problemi che speriamo di risolvere. Non ci troviamo nella miglior situazione possibile, ma non ci possiamo fare niente. Tutti sono molto motivati per correre ai ripari, ma non si puo’ far tutto in un giorno. Posiamo solo sperare di cominciare la stagione in modo decente a Melbourne. Per ora la nostra affidabilita’ resta un punto interrogativo”.

Se Vettel non puo’ certo sorridere, a poter, invece, gioire per il suo approccio alla Williams e’ l’ex ferrarista Massa capace di chiudere i suoi test con il miglior tempo in 1’33”258 e ben 99 giri. Alle spalle del brasiliano l’onnipresente Mercedes guidata da Nico Rosberg (1’33”484s e 103 tornate), mentre piu’ indietro, ma con il terzo miglior tempo, la Rossa di Raikkonen che al mattino ha effettuato solo nove giri (1’35”426 a +2”168 dal primo della lista con 87 giri complessivi).

”Abbiamo passato una gran bella giornata – ha detto Massa alla fine della terza giornata di test a Sakhir – abbiamo fatto tanti giri e trovato la performance. Sono molto felice della mia monoposto e ho l’impressione che abbiamo trovato l’equilibrio giusto”. Non del tutto soddisfatto Raikkonen, tornato alla Ferrari proprio al posto del brasiliano. "Oggi speravo di fare piu’ giri ma non e’ stata una giornata facile – ha ammesso il finlandese ex Lotus a ferrari.com – Abbiamo sacrificato del tempo questa mattina per un intervento necessario sulla vettura ma siamo riusciti a recuperare un po’ del terreno perso nel pomeriggio. Al mattino, dopo una serie di giri la scuderia di Maranello ha dovuto risolvere un problema relativo ad un connettore che ha obbligato i meccanici a smontare varie parti della vettura per rimetterla in piena efficienza. ”Nella distanza di gara – ha aggiunto Raikkonen che nel pomeriggio ha alternato dei giri sulla breve distanza con una simulazione di gara, incluse alcune prove di pit-stop – abbiamo continuato a prendere le misure con le strategie di consumo e il degrado degli pneumatici anche se c’era un vento che disturbava molto la guida. Vorrei poter dire di aver fatto meglio ma abbiamo ancora un altro giorno con Fernando per continuare la nostra preparazione per Melbourne”.