Europee, domenica 49 milioni di italiani alle urne

Con l’insediamento dei seggi, preceduto dall’avvio del silenzio elettorale, e dunque del divieto di fare propaganda, sono partite le ultime operazioni per le consultazioni europee di domenica 25 maggio. Oltre 49 milioni di italiani sono chiamati alle urne per indicare i 73 componenti del Parlamento europeo che spettano al nostro Paese. Un evento che coincide in due Regioni, Abruzzo e Piemonte, con il rinnovo dei Consigli regionali e dei Presidenti. Si vota anche in 4.086 Comuni per sindaci e relativi consigli. E la sfida riguarda anche cinque capoluoghi di regione: Firenze, Potenza, Campobasso, Bari e Perugia. In tutto tra regionali e comunali sono 17 milioni gli italiani all’appuntamento con le urne.

SEGGI APERTI DALLE 7 ALLE 23 DI DOMENICA Per europee, regionali e comunali sono stati previsti gli stessi orari. Solo in caso di ballottaggio per l’elezione dei sindaci nei comuni superiori ai 15 mila abitanti si tornera’ a votare domenica 8 giugno, ma la fascia oraria restera’ la stessa di domenica 25 maggio.

Per poter esprimere il voto serve un documento di identita’ valido oltre alla tessera elettorale: chi non e’ in possesso di quest’ultima o ha esaurito gli spazi per l’apposizione del timbro puo’ chiedere il rilascio di una nuova tessera agli uffici comunali che resteranno aperti per tutta la durata delle operazioni di voto, dalle 7 alle 23.

ALLE URNE PIU’ DONNE CHE UOMINI Dei 49.256.864 elettori chiamati al voto, la maggioranza sono di sesso femminile (25.562.278) a fronte di 23.694.586 maschi. Stessa situazione alle regionali: tra Piemonte e Abruzzo il corpo elettorale complessivo sfiora i 5 milioni (4.843.317): le donne sono 2.501.702, mentre gli uomini si fermano a quota 2.341.615

PER EUROPEE UNA SCHEDA, NO PREFERENZE A CANDIDATI STESSO SESSO. L’unica scheda sara’ tuttavia di colore diverso a seconda della circoscrizione elettorale di appartenenza dell’elettore. Il voto si esprime tracciando un segno sul contrassegno corrispondente alla lista prescelta; nell’ambito della lista votata si possono esprimere tre preferenze, ma devono riguardare candidati di sesso diverso, pena l’annullamento della terza indicazione.

SCRUTINIO EUROPEE A FINE VOTO, REGIONALI E COMUNALI DA LUNEDI’ Lo spoglio per le europee comincera’ dunque dalle 23 di domenica, subito dopo la chiusura dei seggi e l’accertamento del numero dei votanti. E da quell’ora partira’ anche – in appositi seggi istituiti presso le corti di appello di Milano, Venezia, Roma, Napoli e Palermo – lo scrutinio delle schede votate dagli elettori italiani residenti negli altri Paesi dell’Unione europea (1.398.307). Dove sono previste le elezioni regionali e comunali, lo scrutinio partirà dalle ore 14 di lunedì prossimo, dando la precedenza allo spoglio per le regionali.

NESSUN COMMENTO

Comments