Europee, Berlusconi: ‘faremo ottimo risultato, da sinistra solo tasse’ (VIDEO)

"Comunque la si giri la frittata, non si riesce ad evadere dalla ricetta sempiterna della sinistra: sempre tasse". Lo dice Silvio Berlusconi in un’intervista al Tg5. Il leader di Forza Italia non vede "nessuna riduzione delle tasse" e aggiunge: "Anzi i governi della sinistra hanno aumentato la tassa Imu sulla casa che noi consideriamo sacra e c’e’ stato anche un aumento dell’imposta sui risparmi privati e sulle rendite finanziarie".

Il Cavaliere inizia la sua campagna elettorale con una intervista al Tg5, e sottolinea: “E’ la prima intervista al Tg5 dopo 14 mesi ed e’ una cosa importante”.

L’uomo di Arcore attraverso la televisione si è così affacciato nelle case degli italiani riproponendo l’immagine di 20 anni fa, quando con la videocassetta inviata a tutti i Tg, annunciò, impettito, la sua discesa in campo. Stesso completo blu notte. Oggi rispetto a venti anni fa ha esibito una capigliatura più folta, qualche chilo in più, e sul bavero il distintivo di Forza Italia.

"In questi vent’anni che sono passati sono stato sempre candidato alle europee riportando sempre intorno a tre milioni di voti. Questa volta sono stato colpito da un’ingiustizia enorme e c’e’ stata una sentenza mostruosa, un reato di frode fiscale a me che sono il primo contribuente italiano in Italia. Sono certo che la Corte Ue annullerà completamente la sentenza".

Nonostante tutto, “sono ancora in campo per il successo di Forza Italia e dei moderati in Europa: nella scheda elettorale ci sarà il simbolo e anche il nome Berlusconi".

Elezioni europee? “Pensiamo di arrivare ad un ottimo risultato”, in ogni caso “dopo un anno, un anno e mezzo ci saranno le elezioni politiche”. Lo ribadisce Berlusconi, ancora una volta, come ha già fatto nelle scorse settimane. “Pensiamo di riportare con i moderati una grande vittoria con un Parlamento che possa sostenere un Governo formato da ministri tutti di Forza Italia”.

Per il leader azzurro “in Europa dobbiamo riscrivere tutti i trattati europei, e dobbiamo esser forti per questo". Secondo l’ex presidente del Consiglio, alcuni trattati "li abbiamo firmati con la pistola alla tempia dell’imbroglio degli spread". L’obiettivo è "ottenere che si possa sforare il 3% di deficit. Ed è qualcosa di imprescindibile e dobbiamo anche allontanare nel tempo o addirittura cancellare il fiscal compact". Un ragionamento che ha portato Berlusconi a una proposta: "Non si possono più dividere le elezioni – ha affermato – fra quelle per l’Europa e quelle nazionali perché la politica è insieme nazionale ed europea e noi stiamo scontando questo fatto perché l’Europa a trazione tedesca ci ha imposto una politica di rigore che ha portato soltanto crisi".

L’affidamento ai servizi sociali in una residenza “di anziani in difficoltà? Non mi ha fatto assolutamente dispiacere, perchè io ho sempre cercato di aiutare chi ha avuto e ha bisogno e anche perchè sono andato spesso nelle residenze di anziani accompagnando la mia mamma e cercando di portare a queste persone conforto. Porterò agli anziani conforto e aiuti concreti".

NESSUN COMMENTO

Comments