Euro 2012, Danimarca all’assalto della corazzata tedesca

Buonissima la prima (1-0 alla favorita Olanda), male la seconda (ko 3-2 con il Portogallo, dopo aver rimontato due reti). Ed ora sulla rotta della Danimarca si para la corazzata tedesca, gia’ quasi certa dell’accesso ai quarti di Euro 2012, grazie ai sei punti in classifica. Ma e’ proprio quel ‘quasi’ a preoccupare i ragazzi del ct Morten Olsen, praticamente obbligati a vincere il terzo scontro del girone B. Perche’ gli avversari non saranno disposti a fare sconti, ne’ potranno concedersi distrazioni. In caso di sconfitta, e concomitante vittoria del Portogallo sull’Olanda, a Kharkiv, Mario Gomez e compagni rischierebbero infatti di tornare a casa contro tutti i pronostici. Quindi la Germania non smobilita e la Danimarca si prepara ad una partita difficile da interpretare. Nel gioco dei ‘se’ e dei ‘ma’ potrebbe tornare utile ad entrambe anche un pari, a condizione che perda il Portogallo. Visti gli ‘oranje’ delle prime due uscite, meglio non fidarsi.

Lo sa bene il ct Joachim Loew: ‘Non dobbiamo fare l’errore di prendere sottogamba la Danimarca, soprattutto il loro attacco. Io non li ho mai considerati degli outsider. A noi serve almeno un punto e non dobbiamo farci distrarre da quello che succede tra Olanda e Portogallo’. Nei giorni in cui in Italia impazza il toto-biscotto, William Kvist assicura che la Danimarca non giochera’ con l’orecchio alla radiolina, ma ammette: ‘E’ evidente che se l’Olanda stesse vincendo e noi fossimo sul pari non ci getteremmo all’attacco, prendendo rischi inutili’.

Ma anche i tedeschi dovranno prendere l’impegno con le molle. Se non altro perche’ non battono gli scandinavi dal 1996, un 2-0 in amichevole. E all’Europeo del ’92 si lasciarono sorprendere in finale dai biancorossi guidati da Brian Laudrup. E poi Loew vuole vincere il girone, cosi’ da avere un giorno di riposo in piu’ prima del quarto di finale, che oltretutto si giochera’ a Danzica, dove la ‘Mannschaft’ ha il suo quartier generale dall’inizio del torneo. Il tecnico ha tutta la rosa a diposizione, tranne lo squalificato Jerome Boateng. Per il sostituto e’ ballottaggio tra Hoewedes e Bender.

Sul fronte danese, a centrocampo non sara’ della partita Dennis Rommedahl, conseguenza dell’infortunio muscolare con il Portogallo. C’e’ invece ottimismo per Niki Zimling, anche lui uscito prima, ma per un problema ad una caviglia.

NESSUN COMMENTO

Comments