Estate 2014, mare e cultura in Albania

Prenotazioni e richieste in crescita per prodotti turistici organizzati, soprattutto per quelli con proposte originali, dove si può abbinare l’ombrellone a musei o siti archeologici. Complice anche la delicata situazione dell’Egitto e del Mar Rosso, che fa entrare in gioco destinazioni alternative, si preferiscono destinazioni alternative, lontane dal turismo di massa. Sono le tendenze per l’estate 2014 tratteggiate da CartOrange, realtà specializzata in viaggi su misura che, grazie a oltre 400 consulenti per viaggiare in Italia, ha il "polso" della situazione.

«Sempre più spesso si preferiscono destinazioni dove è possibile avere sia una bel mare, sia la possibilità di dedicarsi ad attività culturali – afferma Gianpaolo Romano, amministratore delegato di CartOrange -. Le mete più gettonate sono quelle a medio raggio: Grecia e Spagna in testa, seguite dalla Turchia. Bene anche destinazioni a lungo raggio come Stati Uniti e Canada». Ma la vera sorpresa dell’estate 2014 è l’Albania: «Per noi è l’ultimo segreto d’Europa – spiega Romano – un paese affascinante, ricco di storia, natura e spiagge incontaminate, e oggi sicuro e attrezzato per accogliere i turisti.

Il nuovo catalogo di CartOrange "Viaggi nel tempo" propone itinerari culturali con la possibilità dell’estensione mare, con una lezione prima di partire tenuta da un archeologo che si può seguire da casa via computer. Per i viaggi di gruppo, è previsto l’accompagnamento dell’archeologo, mentre per chi parte individualmente è disponibile un e-book da consultare durante il viaggio.

La meta più gettonata per l’estate 2014 è la Grecia, culla della civiltà occidentale, ma la vera rivelazione dell’estate 2014 è una meta alternativa e low cost, vicina all’Italia e praticamente sconosciuta dal punto di vista turistico: l’Albania.

«L’antica Illiria è una delle novità che abbiamo inserito nel nostro ultimo catalogo dei Viaggi nel Tempo e che proponiamo di scoprire con la formula del Fly & Drive – afferma Romano -. È un paese sicuro da girare anche da soli e che ha molte bellezze da scoprire, sia per quanto riguarda gli aspetti culturali sia le spiagge, davvero mozzafiato».

Se si lasciano da parte i luoghi comuni, si può scoprire una terra affascinante e ricca di contrasti: «L’Albania è un paese lanciato verso la modernità e al tempo stesso ancorato al suo poliedrico passato – prosegue Romano -. I luccicanti ori dei monasteri bizantini convivono pacificamente con i minareti delle moschee e con le greche memorie di Butrinto e Apollonia. Da Berat, patrimonio dell’umanità, a Durazzo, passando per la strada tra Saranda e Argirocastro, con il suo misterioso "occhio blu", una sorgente i cui colori ricordano una pupilla e il suo iride. Per poi scoprire "l’ultimo segreto d’Europa", ovvero le spiagge e le calette rocciose, che non hanno nulla da invidiare alle altre località del Mediterraneo».

NESSUN COMMENTO

Comments