Estate 2012, tempo di grigliate di pesce: ecco come

Gli amanti del pesce lo sanno bene: una bella grigliata è la fine del mondo, soprattutto in estate, magari in riva al mare con gli amici. Il pesce mantiene il suo sapore naturale – questo è il principio base di una buona grigliata -, dunque niente condimenti strani né teste o squame da togliere. Il pesce deve restare così come viene pescato: più resta integro e meglio conserverà i suoi sapori e i suoi succhi di mare. 

Iniziamo dunque la nostra grigliata. Appoggiate il pesce sulla griglia quando le braci sono ben calde. La griglia deve essere regolata a una distanza di dieci centimetri dal carbone, in modo tale da garantire una temperatura piuttosto alta, necessaria per formare subito la crosticina sulla pelle indispensabile per trattenere all’interno sostanze nutritive e succhi.

Niente sale: il sale favorisce la perdita di liquidi e dunque di sapore e sostanze nutritive.

Il pesce non è la carne, è molto più morbido e delicato, quindi cuoce molto velocemente. Soprattutto i pesci di taglia più piccola (triglie e sardine) sono pronti già dopo pochissimi minuti (in genere un paio). Potete considerare in linea di massima una semplice regola: dieci minuti di cottura per parte ogni 2 centimetri di spessore nella zona centrale. Potete usare anche un “trucchetto”: se premendo leggermente con il dito, il vostro dito arriva alla spina, vuol dire che il pesce è pronto. Fate molta attenzione a non superare i tempi, altrimenti rischiate che la carne del vostro pesce diventi asciutta e stopposa, oltre che senza alcun sapore.

Ed ecco per voi un segreto marinaro: a mano a mano che i pesci sono cotti, tuffateli in acqua bollente molto salata: è un modo per far riprendere al pesce tutto il suo sapore, senza bisogno di altri condimenti. In acqua devono restare circa mezzo minuto, poi si tolgono, si scolano appena e, una volta privati di pelle e lisca (vengono via molto facilmente), sono pronti.

Servite la vostra grigliata di pesce accompagnata da una bella insalata fresca o, se non avete problemi di linea, da un bel piatto di patatine fritte. E ricordate: sul pesce niente salse strane, solo succo di limone naturale. E la vostra ricetta è pronta.

NESSUN COMMENTO

Comments