Elezioni Comites, voto elettronico con software ‘in affitto’

Davvero ci saranno le elezioni dei Comites entro quest’anno, come dice la legge? Staremo a vedere. Secondo molti, fra gli addetti ai lavori, il voto per rinnovare tali organismi è destinato a slittare al 2015. Intanto di Comites si continua a discutere, anche in Parlamento.

Il sottosegretario al Mef, Giovanni Legnini, parlando alla commissione Bilancio della Camera, ha spiegato che per la prossima elezione dei Comites (Comitati degli italiani residenti all’estero) "non sono previsti oneri permanenti correlati all’acquisto di prodotti software, poichè s’intende acquisire una licenza temporanea per la gestione del voto elettronico dei cittadini italiani residenti all’estero".

Inoltre, "per le successive tornate elettorali le licenze potranno essere rinnovate" e "gli oneri per le missioni tecniche di sperimentazioni in alcune sedi pilota sono stati quantificati (costi per circa 20mila euro; Ndr)".

La commissione Bilancio della Camera ha espresso quindi parere favorevole allo schema di decreto del presidente della Repubblica sul sistema di voto da utilizzarsi nell’ambito delle prossime elezioni dei Comites, accogliendo così la proposta di parere del relatore in commissione Francesco Laforgia (Pd).

COSA SONO I COMITES I Comites, come si legge sul sito della Farnesina, sono organismi rappresentativi della collettività italiana, eletti direttamente dai connazionali residenti all’estero in ciascuna circoscrizione consolare ove risiedono almeno 3mila connazionali iscritti nell’elenco aggiornato della legge 459 del 2001 (che disciplina il voto dei cittadini italiani residenti all’estero). I comitati "contribuiscono ad individuare le esigenze di sviluppo sociale, culturale e civile della comunità di riferimento" e "promuovono opportune iniziative con particolare riguardo alla partecipazione dei giovani, alle pari opportunità, all’assistenza sociale e scolastica, alla formazione professionale, al settore ricreativo, allo sport e al tempo libero".

COSTI MISSIONI TECNICHE DI SPERIMENTAZIONE Nello schema di dpr sui Comites sono state quantificate le spese di sperimentazione delle nuove modalità di voto per il rinnovo dei Comites. Nello specifico: si tratta di 4 missioni cui prenderanno parte 3 funzionari per 8 giorni. Il totale dei costi nelle 4 città prescelte, Bruxelles, Charleroi, Madrid e Lisbona ammontano a poco più di 20mila euro.

NESSUN COMMENTO

Comments