Egitto, 7mila morti l’anno per guida spericolata

Guidare un’automobile al Cairo e’ pericoloso e spesso porta alle estreme conseguenze. E’ il risultato di una indagine della Capmas, agenzia governativa egiziana che ha scoperto che circa settemila persone sono morte sulle strade dell’Egitto soltanto nel 2010. Con la crescita della densita’ della popolazione, il numero dei decessi successivi ad un incidente automobilistico, secondo la ricerca, sarebbe in aumento. 

La Capmas rivela, secondo quanto riportato dal sito di informazione Bikyamasr, che il diciannove per cento degli incidenti automobilistici registrati nel 2010 sono stati causati dall’eccesso di velocita’, una vera e propria "piaga" per chi frequenta su quattro ruote le strade affollate del Cairo. Sorpassi a zig-zag, deviazioni improvvise sulle arterie a tre corsie e un "debole" per l’acceleratore sembrano essere le cause principali delle morti in strada nella capitale d’Egitto. Dalla ricerca emerge che Il Cairo e’ una delle citta’ piu’ pericolose in cui mettersi alla guida. Questo anche se i principali colpevoli dell’eccesso di velocita’ sono i microbus e non le utilitarie. Il motivo e’ economico: i microbus sono spinti ad andare piu’ velocemente dal fatto che piu’ viaggi riescono a fare, piu’ soldi portano a casa.

NESSUN COMMENTO

Comments