Dormire bene, tecnologia e cattiva alimentazione i nemici del sonno

Durante la settimana dedicata al dormire bene, l’attenzione è rivolta al legame tra sonno, alimentazione e tecnologia. Sono oltre 12 milioni gli italiani che, secondo l’Associazione italiana per la medicina del sonno, hanno problemi a dormire. Andare a letto troppo tardi, mangiare troppo e con la sbagliata frequenza o circondarsi di tecnologia sono certamente nemici di un sonno tranquillo.

ALIMENTAZIONE Tra le possibili ragioni dell’insonnia, l’alimentazione scorretta è certamente da menzionare tra una delle cause più impattanti, non solo in termini di qualità dei cibi che vengono consumati durante la giornata ma anche e soprattutto in termini di tempi e quantità. “Cene abbondanti e protratte nel tempo possono esacerbare il problema: un pasto troppo ricco aumenta il flusso di sangue all’apparato digerente, invitando lo stomaco a secernere più acido gastrico e costringendo il pancreas e i muscoli intestinali lavorare di più. Tutto questo stimola il nostro organismo invece di calmarlo”, spiega il dott. Giuseppe Fatati, direttore scientifico dell’Osservatorio Nestlé Fondazione – ADI.

Importantissimo quindi non saltare i pasti durante la giornata per evitare di arrivare all’ora della cena affamatissimi. I dati dello scenario emerso dalla VI edizione dell’Osservatorio Nestlé-Fondazione ADI, dimostrano che ancora il 27% degli italiani non consuma i pasti principali della giornata in maniera regolare e solo il 73% quindi, dichiara di non saltarli quasi mai durante la settimana.

TECNOLOGIA Alimentazione, sonno e… tecnologia. Ebbene sì. Una causa molto importante della perdita di sonno è certamente la cattiva gestione del tempo sia nei momenti dedicati ai pasti principali sia in quelli dedicati al riposo. I dati dell’Osservatorio Nestlé-Fondazione ADI evidenziano uno scorretto utilizzo di tv e pc, soprattutto tra i più giovani: 1 ragazzo su 5 usa il cellulare mentre sta a tavola e solo 2 ragazzi su 3 conversano con gli altri commensali. Il 30% dei giovani passa più di 2 ore al giorno davanti alla TV, ma non solo, ben il 45% di loro ha la televisione in camera da letto. Cosa comporta questa “indigestione” di tecnologia? “Le luci artificiali dei diversi dispositivi elettronici possono influenzare il rilascio naturale della melatonina inibendo i neuroni del cervello che facilitano il sonno e allertando invece quelli dell’attenzione” spiega il dott. Giuseppe Fatati, direttore scientifico dell’Osservatorio Nestlé Fondazione – ADI. Il consiglio migliore rimane quello di cenare in maniera leggera ma soddisfacente e di spegnere tutti i dispositivi elettronici prima di andare a dormire a vantaggio del nostro sonno e della nostra salute.

NESSUN COMMENTO

Comments