Dl Lavoro, Gasparri: ‘cambiare CGIL act, defiscalizzare nuove assunzioni’

Modifiche dell’apprendistato e defiscalizzazione per chi assume giovani o disoccupati. Sono alcune delle proposte di modifica al decreto Lavoro presentate dai senatori di Forza Italia Anna Cinzia Bonfrisco, Maurizio Gasparri e Alessandra Mussolini.

Oggi il decreto approda in commissione Lavoro del Senato, dopo essere stato approvato in aula alla Camera e Gasparri spiega: "Apprezziamo l’intento del governo di mettere tra le priorita’ di azione la situazione del lavoro, visto i dati drammatici e allarmanti, ma noi non voteremo il testo cosi’ come uscito dalla Camera. Ha ragione Berlusconi quando dice che dal job act siamo arrivato al Cgil act, c’e’ stato un irrigidimento e un peggioramento del testo. Si deve scrostare il provvedimento inserendo la proposta presentata da Berlusconi che prevede la detassazione per le nuove assunzioni". Tra gli emendamenti di Forza Italia c’e’ infatti quello che prevede "la riduzione del cuneo fiscale per i giovani al primo impiego o disoccupati".

Gasparri ha inoltre annunciato che "Forza Italia e’ pronta a concentrarsi su pochi punti, senza presentare tanti emendamenti e dare alibi al governo di porre la fiducia. Noi procediamo con le nostre proposte e non andiamo a rimorchio di nessuno, vediamo che faranno gli altri".

La senatrice Mussolini ha parlato di "decreto fornerizzato da Renzi, dobbiamo aprire il mondo del lavoro garantendo maggiore flessibilita’ invece di inserire tanti condizionamenti".

Mussolini ha parlato anche del fondo "Garanzia Giovani" che "non e’ stato inserito da questo governo, ma viene da lontano, dal governo Berlusconi prima, e Monti e Letta dopo. E poi riguarda la formazione non la creazione di nuovi posti di lavoro". Forza Italia annuncia: "Combatteremo per modificare il testo, la nostra sara’ un’opposizione forte e concentrata su pochi punti", ha concluso Bonfrisco.

NESSUN COMMENTO

Comments