Distrazioni e alcol i nemici dei giovani alla guida, l’estate il periodo peggiore

Secondo le statistiche, in tutto il mondo, l’incidente stradale è la prima causa di mortalità per i più giovani, con picchi a luglio e agosto per quanto riguarda l’Europa. I giovani europei incontrano un rischio 2 volte maggiore rispetto alla media di perdere la vita a causa di un incidente stradale.

In Europa, i soggetti tra 18 e 24 anni rappresentano l’8% della popolazione totale, ma tale quota sale al 15% qualora si considerino le vittime di incidente stradale. Durante il periodo estivo la situazione peggiora ulteriormente e tale quota sale addirittura al 21%.

Secondo le statistiche, il fattore principale che ha causato la morte sulle strade dell’Unione Europea, nel periodo dal 2004 al 2013, di oltre 62.000 ragazzi di età compresa tra 18 e 24 anni, sarebbe rappresentato dai comportamenti non responsabili tenuti dai più giovani mentre si trovano alla guida di un’auto. Secondo la relazione dell’European Road Safety Observatory, la scarsa conoscenza delle strade, lo stordimento conseguente l’assunzione di sostanze stupefacenti o dovuto allo stress, insieme alla distrazione, sono tra i fattori più comuni degli incidenti che coinvolgono i giovani guidatori.

Ford ha commissionato uno studio sulle cattive abitudini dei giovani al volante per meglio comprendere quali siano i rischi alla guida, intervistando 6.500 giovani tra i 18 e i 24 anni in Italia, Regno Unito, Germania, Francia e Spagna. Lo studio svela che il 57% degli intervistati ha dichiarato di aver più volte superato i limiti di velocità consentiti, il 43% di aver inviato messaggi di testo e il 36% di aver effettuato telefonate mentre era alla guida, il 16% di aver guidato senza allacciare le cinture di sicurezza, il 15% di essersi scattato un selfie e il 13% di essersi messo al volante dopo aver assunto alcolici.

NESSUN COMMENTO

Comments