Crisi, allarme Bce: peggiora accesso a credito per Pmi

I rubinetti del credito bancario per le piccole e medie imprese dell’Eurozona si restringono sempre di piu’. Secondo il sondaggio della Banca Centrale Europea, condotto fra il 3 settembre e l’11 ottobre su 7.514 aziende europee e relativo al periodo aprile-settembre, il 22% denuncia un peggioramento delle condizioni di accesso al credito rispetto al 20% dell’indagine precedente. Inoltre, nello stesso periodo la percentuale delle domande di finanziamento che sono state respinte dalle banche e’ salita dal 13% al 15%, segnando il tasso piu’ alto dalla seconda meta’ del 2009 quando la percentuale dei ‘no’ da parte degli istituti di credito si era attestata al 18%. E per il 18% delle pmi l’accesso al credito resta il problema maggiore.

Tra i settori piu’ penalizzati c’e’ quello dell’edilizia dove le difficolta’ di accesso al credito sono al 34%. Tuttavia questo peggioramento generale e’ molto lontano dai livelli registrati nel 2009, in seguito al fallimento di Lehman Brothers, spiega l’Eurotower nel rapporto.

Il fattore che pesa maggiormente su questa stretta creditizia, sottolineano le pmi, e’ la crisi nell’eurozona e le prospettive di una ripresa economica molto debole. Infatti le aziende restano pessimiste sul futuro e nei prossimi mesi si aspettano un ulteriore peggioramento per quanto riguarda le loro possibilita’ di accesso al credito bancario. Il sondaggio della Bce evidenzia anche che l’accesso al credito per le pmi e’ peggiorato generalmente in tutti i Paesi dell’eurozona con l’eccezione della Germania. Inoltre, e’ in aumento il numero delle aziende che in Italia, Spagna, Grecia e Portogallo denunciano un incremento dei tassi d’interesse applicati dalle banche mentre le pmi di Germania, Austria, Belgio e Francia hanno visto in termini netti un calo ‘molto marcato’ dei tassi nello stesso periodo.

NESSUN COMMENTO

Comments