Crisi, Alfano: Oneste le parole di Berlusconi, opposizioni siano responsabili

Angelino Alfano, segretario politico del Popolo della Libertà, prende la parola alla Camera subito dopo l’informativa del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi sulla situazione economico-finanziaria italiana.

Alfano giudica quelle del premier "parole oneste, serie e affidabili per un Paese che chiede serieta’ e affidabilita’ al governo che ha voluto che governasse".

"Autorevoli esponenti del Pd – attacca Alfano – hanno detto che il governo deve dimettersi perchè i mercati lo chiedono. Siamo sgomenti: ma da quando in qua sono i mercati a scegliere il governo o a stabilire che debbano andare a casa? E il popolo, ciascun cittadino, che ruolo ha nella vostra visione politica e del Paese?". "Per noi sono espressione della gente, del popolo che rappresentano. Per questo siamo contrari a fantomatici governi tecnici, contrari all’idea di piegare la democrazia alla tecnocrazia". "I governi sono espressione del popolo. Per questo siamo contrari a fantomatici governi tecnici che nulla a hanno a che vedere con il popolo", sottolinea l’ex Guardasigilli. Nel ricordare ai banchi delle opposizioni che il "governo Berlusconi è legittimo perchè ha vinto le elezioni del 2008", Alfano osserva: "E’ bene che i cittadini si ricordino che con i governi tecnici c’è sempre profumo di tasse".

L’appello alle opposizioni da parte del segretario PdL è chiaro: "Contribuiscano con uno spirito patriottico e repubblicano" a uscire dalla crisi economica internazionale. Da parte nostra, "ci sforzeremo" di portare "la nave nella tempesta a dirigersi verso il porto sicuro e riusciremo a farlo". "Noi – prosegue Alfano – crediamo nell’uscita dalla crisi perche’ crediamo negli italiani e metteremo tutto il nostro sforzo per non tradire il mandato che nel 2008 ci hanno dato".

NESSUN COMMENTO

Comments