Crisi “al buio”, ecco le opzioni previste dalla Costituzione

Prerogative del Capo dello Stato con le dimissioni del governo. Al termine delle consultazioni, Mattarella indicherebbe il nome del presidente del Consiglio incaricato

“Alle sorti del governo provvedera’ il presidente della Repubblica e noi ci rimettiamo alla sua saggezza”. Matteo Renzi ha affidato domenica notte, come contempla la Costituzione, la gestione della crisi di governo al Capo dello Stato Sergio Mattarella. Si tratta di una “crisi al buio” ed extraparlamentare cio’ non nata da un formale voto di sfiducia del Parlamento che ha un precedente nelle dimissioni del marzo 2000 dell’allora Presidente del Consiglio Massimo D’Alema dopo un cattivo risultato elettorale alle Regionali.

A condizionare ulteriormente il “buio” di una crisi che non ha precedenti ci sono quelle incombenze istituzionali “irrinunciabili” evocate oggi da Mattarella riguardanti la legge di Bilancio e il rebus delle diverse leggi elettorali di Camera e Senato.

Se le dimissioni di Matteo Renzi saranno “irrinunciabili” le possibili strade che avra’ il Colle saranno segnate proprio da quel percorso che fissa la Costituzione: o un nuovo esecutivo, con a capo un esponente dello stesso partito di maggioranza dopo rapide consultazioni, o un “governo di scopo” che provveda a risolvere le principali incombenze che attendono il nuovo inquilino di Palazzo Chigi, oppure, ma al momento sembra l’ipotesi piu’ remota, lo scioglimento delle Camere.

Il presidente della Repubblica infatti, dopo le consultazioni (leader di partito, capogruppo parlamentari, presidenti di Camera e Senato, eventualmente soggetti sociali) puo’ adottare diverse soluzioni in caso di crisi di governo; 1.Rinvio del governo alle Camere per la formale verifica della sussistenza del rapporto fiduciario alla Camera e al Senato; 2.Governo-bis: nomina di un nuovo governo, presieduto dallo stesso presidente del Consiglio dei ministri, con eventuali modifiche della compagine ministeriale; 3.Nomina di un nuovo Presidente del Consiglio all’interno della stessa maggioranza; 4.Governo del presidente o “di scopo” con guida affidata ad una personalita’ a forte identita’ istituzionale come presidente del Consiglio dei ministri; 5.Governo “tecnico”: esecutivo costituito da esperti, ma estranei alla vita politica in quanto tale. 6.Elezioni anticipate: il presidente della Repubblica scioglie le Camere ed indice nuove elezioni. La prima possibilita’ sembra remota, almeno visto il discorso netto fatto da Renzi nell’annunciare le sue dimissioni.

Se Mattarella decidesse di accettare le dimissioni di Renzi tutte le ipotesi contemplate sarebbero “agibili” per il Colle tenendo sempre conto di quelle “esigenze istituzionali” subito ricordate a tutti.

Al termine delle consultazioni, Mattarella indicherebbe il nome del presidente del Consiglio incaricato, che per consuetudine accetta “con riserva” l’incarico, per verificare la ‘fattibilita” di un governo. Sciolta la riserva, presenterebbe la lista dei ministri al Presidente della Repubblica, giurerebbe e si presenterebbe alle Camere con un programma di governo ampio (nel caso di governo politico) o “di scopo” (per la riforma della legge elettorale e altre eventuali priorita’ indicate dal Quirinale).