Comites e CGIE, Fi Germania replica a Billi (Lega): “Chiuderli non è la soluzione”

Carmelo Pignataro e Vito Fagiolino, del coordinamento Forza Italia Germania: “Tanti Comites lavorano bene e rappresentano la base della democrazia elettiva degli italiani all’estero. La loro abolizione lascerebbe molte comunità alla mercé dei rappresentanti diplomatici”

Carmelo Pignataro (a sinistra nella foto) e Simone Billi

Continua a giungere reazioni da tutto il mondo dopo le parole dell’On. Simone Billi, Lega, su Comites e CGIE. Si fa sentire pure il coordinamento di Forza Italia in Germania, guidato da Carmelo Pignataro e Vito Fagiolino, che in una nota, in merito alle polemiche sulle parole pronunciate dal deputato leghista durante l’ultima riunione del Comites di Londra, dichiarano: “Il coordinamento di FI in Germania pensa che la dichiarazione dell’On. Picchi possa essere interpretata come uno stimolo a fare meglio o anche a cambiare la legislazione riguardo a Comites e CGIE”.

“Certo è che l‘abolizione totale non è una soluzione”, sottolineano. “Tanti Comites lavorano bene e rappresentano la base della democrazia elettiva degli italiani all’estero. La loro abolizione lascerebbe molte comunità alla mercé dei rappresentanti diplomatici o toglierebbe comunque loro qualcosa, perché i deputati e senatori non possono da soli prendersi carico di quasi 5 milioni di connazionali iscritti all‘Aire”.

“Noi – proseguono Pignataro e Fagiolino – siamo a favore di migliorare le cose dall‘interno, non per l‘abolizione. I soldi risparmiati confrontati con l‘enorme debito pubblico italiano non sono che una goccia nel mare. Una goccia – concludono – che per chi vive all’estero è comunque fondamentale”.

Comments