“In codice ratio”, progetto Università Roma Tre e Vaticano

In codice ratio prevede l’implementazione e la sperimentazione di soluzioni informatiche per la trascrizione automatica di manoscritti medievali

Intelligenza artificiale: cento studenti al lavoro. La tecnologia svela i manoscritti medioevali. Al Liceo scientifico Keplero di Roma parte ‘In codice ratio’, un progetto di alternanza scuola-lavoro organizzato dall’Università degli Studi Roma Tre in collaborazione con l’Archivio Segreto Vaticano.

Gli alunni saranno coinvolti nella creazione dei dati di addestramento del sistema di trascrizione automatica e insegneranno alla “macchina” a decodificare manoscritti medievali inediti. In codice ratio, il nuovo progetto di alternanza scuola-lavoro cui partecipano cento alunni del Liceo scientifico Giovanni Keplero di Roma, gioca sul doppio senso del termine “codice”, manoscritto e algoritmo di un programma. Ideato, organizzato e realizzato da ricercatori e docenti dei Dipartimenti d’Ingegneria e Studi umanistici dell’Università degli Studi Roma Tre e dai docenti del liceo, in collaborazione con l’Archivio Segreto Vaticano,

In codice ratio prevede l’implementazione e la sperimentazione di soluzioni informatiche per la trascrizione automatica di manoscritti medievali.

“Un progetto come questo, oltre a impegnare i ragazzi in un “progetto di lavoro”-commenta il rettore Mario Panizza-,ha il grande pregio di avvicinarli all’università come ambito culturale, ed in questo caso il lavoro è dunque formazione culturale”. Gli alunni delle classi terze e quarte del Keplero saranno coinvolti nella creazione dei dati di addestramento del sistema di trascrizione automatica e insegneranno alla “macchina” a decodificare manoscritti inediti: i registri originali del pontificato di Onorio III, il papa che approvò definitivamente la regola dei Frati Minori di San Francesco. “I ragazzi saranno impegnati per tutto l’anno, per un totale di circa 70 ore- spiega Paolo Merialdo, ideatore del progetto, docente di Ingegneria informatica dell’Università degli Studi Roma Tre-.Attraverso seminari e incontri con ricercatori di Ingegneria Informatica, studiosi di paleografia e storici, gli studenti, oltre a imparare i rudimenti di queste materie, avranno modo di avere una panoramica dell’intero progetto e la possibilità di approfondire le tematiche di maggiore interesse”.

“Si avvicineranno inoltre a tecniche innovative di machine learning-prosegue Merialdo-,oltre che a quelle di trascrizione e successiva indicizzazione dei manoscritti medioevali”. La partecipazione degli studenti del Liceo Keplero al progetto In codice ratio s’inquadra nel progetto governativo di alternanza scuola-lavoro previsto dalla legge n. 107/2015, meglio conosciuta come “La buona scuola”, che ha l’obiettivo di fornire ai giovani le competenze necessarie per inserirsi nel mercato del lavoro, alternando le ore di studio in aula a ore di formazione da svolgere in ambienti formativi diversi da quello tradizionale della scuola per garantire quell’esperienza “sul campo” che, spesso, manca agli studenti.