Ciao Sic, è stato un piacere! – di Simona Aiuti

Marco Simoncelli, meglio noto come “Sic”, se ne è andato come tutti gli eroi, giovane, bello, pieno di vita e con una purezza nel cuore che pochi ragazzi oggi hanno. Simpatico, divertente, scanzonato e con la grande capacità di non prendersi troppo sul serio, dote rara. “Gli dei” hanno avuto pietà di lui, e hanno preso Marco Simoncelli in un attimo fugace, mentre era in sella alla sua moto, sua ragione di vita, la sua passione bruciante, a trecento all’ora, a carena, aggrappato a quel rombo che gli faceva ribollire il sangue, sollevandolo e donandogli due ali d’angelo.

Da quella maledetta pista è volato via sulla sua moto spiccando il volo e senza avere il tempo di dire una parola, liberandosi dall’asfalto delle spoglie mortali e sfrecciando su un motore alato, lassù e senza quasi voltarsi, lasciando che il vento scompigli per sempre i suoi mitici riccioli, come un secondo casco che lo caratterizzava.

Sic, ci hai presi alla sprovvista. Tu ora guardi da lontano questo mondo con quella risata e quell’accento divertito e divertente, facendo appena un cenno come saluto, strizzando l’occhio e volando via nel modo più sublime, in un nano secondo, tanto ti è bastato. Il casco in policarbonato è volato via, rotolando sull’erba, lasciandoci attoniti, basiti e soli, infinitamente soli senza la risata del “Sic”, di Marco Simoncelli. Chissà se lassù parlerai del grip, del peso del retrotreno, di ammortizzatori e di quella forcella che ancora non va e bisogna mettere tutto a punto.

A noi mancherai, tu che non eri un ragazzo da superalcolici e droghe, ma uno che dormiva nella stanza di quando era bambino e forse a ventiquattro anni, eri ancora un ingenuo adolescente caro Sic, rimasto così, cristallizzato nel tempo come accade a taluni eroi. Penserai a come usare una chiave blocca puleggia, all’odore del carburante, al sistema elettronico da mettere a punto. Vorremo vederti così con una chiave dinamometrica a cercare il giusto assetto e siamo sicuri che lo troverai. Ciao “Sic”….diobò, è stato un piacere!

NESSUN COMMENTO

Comments