Cecile Kyenge insiste, “chi nasce in Italia è italiano”

"Politiche sociali e di integrazione possono far parte di questo grande progetto europeo da cui nessuno si deve sentire escluso”

L’eurodeputata Cecile Kyenge è intervenuta questa mattina ai microfoni di Radio Cusano Campus e ha concentrato sull’importanza dell’Europa l’inizio del proprio intervento: “L’Europa deve tornare ad essere terra di diritti, anche tutto quello che stiamo vedendo a Londra, le difficoltà, i disagi, dobbiamo rispondere con più Europa, contro tutte le disuguaglianze, dobbiamo partire da domani per fare più Europa. Più Europa, questa è la mia risposta a chi lancia messaggi pessimisti e negativi, a chi non ha capito la potenza del progetto che sta dentro la parola Europa, un progetto nato dopo lunghi conflitti e lunghe guerre sul nostro territorio. Cosa saremmo noi senza il progetto europeo? Vivere 70 anni di pace non è mai capitato a nessun continente sulla nostra terra, eppure noi ce l’abbiamo fatta. La giornata di domani è importante, è da domani che dobbiamo rinascere, ripartire. 60 anni di Europa devono rappresentare un’occasione costituente per rifondare la nostra Unione, ripensare all’Istituzione, è proprio per questo che dico “buongiorno Europa” e lo faccio con forza. Fatti gli europei ora dobbiamo fare l’Europa, come ha detto il nostro Presidente Mattarella”.

Cecile Kyenge continua a battersi in Italia per lo Ius Soli: “Politiche sociali e di integrazione possono far parte di questo grande progetto europeo da cui nessuno si deve sentire escluso. Via la paura, via la timidezza, c’è una grande crisi di solidarietà tra gli stati membri. Prosegue la mia battaglia per lo Ius Soli. Ho ricordato sia a Mattarella che a Grasso che la riforma della cittadinanza è importante. La politica deve far capire che ci sono circa un milione di giovani che sono nati e cresciuti qui ma che si vedono negare il proprio futuro. Non solo bambini piccoli, ma anche giovani, donne e uomini che si battono per questo. Io sono al loro fianco, chi nasce in Italia è italiano e quella legge deve arrivare fino in fondo. A chi parla di invasione, io rispondo che questa è un valore aggiunto, perché è una battaglia di civiltà, una battaglia in cui ci riconosciamo e in cui siamo coerenti con i nostri valori, dove riconosciamo che i diritti sono uguali per tutti. Questi giovani sono il futuro dell’Europa”.