Caro Napolitano, chi ha ragione fra Renzi e Grasso? – di Leonardo Cecca

Signor Presidente Napolitano,

  sono veramente spiacente di doverLa disturbare, ma il motivo è serio e delicato. Da giorni gli italiani sui interrogano sugli 80€ promessi dal Presidente del Consiglio e sulla diatriba che ha fatto seguito alle considerazioni dei tecnici del Senato che avevano espresso dubbi sulla copertura finanziaria assicurata dal premier, il quale, forse un po’ troppo "sportivamente" ma senza rispetto verso l’alto organo parlamentare, ha semplicemente bollato dette considerazioni come "tecnicamente false".

Orbene, in questo delicato dilemma e alla vigilia delle elezioni europee, a chi dare ascolto? A chi rappresenta una forza politica o a chi rappresenta un organo parlamentare terzo?

Alla disinvolta dichiarazione di Renzi il Presidente del Senato con giusta autorevolezza ha risposto: "sono garante dell’autonomia e dell’indipendenza delle valutazioni fatte dai senatori". Chiunque di fronte a tale diversità di vedute rimane sconcertato e, pertanto, da contribuente sono a chiederLe, anche se ciò dovesse esulare dalle Sue prerogative, che la Presidenza della Repubblica si esprima non tanto sulla diatriba sorta, che non è affatto edificante, quanto sulla veridicità o meno della copertura finanziaria, al fine di non lasciare il contribuente con dubbi che, specialmente prima delle elezioni, non dovrebbero sussistere in uno stato serio e democratico.

NESSUN COMMENTO

Comments