Carmen collection, al Teatro Argentina di Roma

Carmen collection: un defilé di moda per danzare il vuoto della donna moderna. Dalla Bulgaria approda al Teatro Argentina di Roma l’Arabesque Contemporary Dance Company. Il 12 settembre prossimo, all’interno della rassegna Mondi in scena, il Teatro Argentina di Roma presenta una fascinosa e accattivante rivisitazione dell’opera di Georges Bizet ad opera dell’Arabesque Contemporary Dance Company, una delle più significative compagnie bulgare.

Nata nel 1967, e ormai considerata un’istituzione nell’ambito della danza contemporanea, l’Arabesque Contemporary Dance Company decide infatti di affrontare la Carmen come se si trattasse di un défilé di moda. Si tratta di una metafora dell’importanza di abiti e apparenza per una donna moderna e complessa, profondamente innamorata dell’immagine di sé che vede rispecchiata negli occhi dell’uomo che la ama. Un coraggioso intreccio di tradizione e innovazione per uno spettacolo che risulta un serbatoio di sorprese e audaci colpi di scena. Una storia d’amore e morte, che tocca i vertici più alti della drammaticità, resa però quasi pop dagli straordinari costumi, dalle scene di Nikolina Kostova-Bogdanova e dalle creazioni del compositore Petar Dundakov.

La musica di Bizet, ricca di colore e contrasti fra i festosi motivi zingareschi e l’incalzare drammatico dell’azione, si mescola esplosivamente alle sorprendenti composizioni originali di Dundakov, dando vita a uno spettacolo trascinante ed innovativo anche dal punto di vista musicale. La coreografa Boriana Sechanova ha cucito la messa in scena attorno alla figura della straordinaria prima ballerina Konstantina Handzhieva, che sfilerà in un incredibile vestito rosso fuoco lungo ben dieci metri e darà sfoggio di bravura e perfezione tecnica.

Carmen collection, portato a Roma in collaborazione con l’Istituto Bulgaro di Cultura e con il sostegno del Ministero della Cultura Bulgaro, offre uno sguardo originale sulla figura di Carmen, arricchita di sfumature psicologiche approfondite e indagate grazie a un corale dialogo tra scenografi, compositori e coreografi che produce un impatto visivo ricco di colori e luci, dirompente e indimenticabile.  Ricordiamo che lo spettacolo è coprodotto dal Centro Nazionale di Musica e Balletto di Sofia e dalla Radio Nazionale bulgara.

NESSUN COMMENTO

Comments