Calcio, Roma: De Rossi non giocherà col Cesena, a rischio anche Juve

Fargli saltare la gara col Cesena di sabato, e rinunciare a malincuore al suo apporto anche nella sfida di Coppa Italia in programma martedi’ in casa della Juventus, per non aggravare i problemi fisici con cui convive da oltre un mese e correre il rischio di perderlo piu’ a lungo del previsto. Questa la scelta condivisa da staff medico e tecnico della Roma per quanto riguarda Daniele De Rossi, costretto a convivere suo malgrado con un’infiammazione all’adduttore destro.

Il mediano giallorosso, che ieri aveva interrotto l’allenamento per il persistere del dolore, oggi e’ stato visitato a Viareggio dal professor Gemignani, responsabile dello staff medico della Roma. De Rossi, accompagnato in Toscana anche dal procuratore Sergio Berti che sta seguendo la trattativa per il rinnovo del contratto in scadenza a giugno, e’ stato sottoposto a trattamenti fisioterapici e accertamenti strumentali (controllo ecografico e risonanza magnetica) che hanno evidenziato un conflitto tra muscoli dell’addome e dell’adduttore, alla base del dolore nella zona inguinale.

Insomma, un principio di pubalgia a tutti gli effetti che preoccupa non poco medici e allenatore: Luis Enrique, infatti, ha sempre ammesso di tenere in considerazione solo giocatori pienamente a disposizione. Per questo, l’input a Trigoria e’ adesso quello di non gestire, ma curare De Rossi, tenendolo a riposo per i prossimi impegni ravvicinati. Il giocatore continuera’ quindi la terapia di cura nel centro sportivo a base di onde d’urto e sedute piu’ intense di fisioterapia.

Le luci dei riflettori, pero’, continueranno a essere puntate su De Rossi nonostante la sua assenza dai campi. Entro la fine del mese, infatti, la Roma aspetta la risposta di ‘Capitan Futuro’ all’ultima proposta di rinnovo messa sul tavolo dal direttore generale, Franco Baldini, costantemente in contatto con l’agente Berti. La fumata bianca che tutti i tifosi romanisti aspettano, comunque, sara’ subordinata al via libera che dovra’ arrivare dal Comitato esecutivo composto dal presidente DiBenedetto (atteso nella Capitale all’inizio della prossima settimana), dal socio forte James Pallotta, e da Paolo Fiorentino (in rappresentanza di UniCredit).

Il Comitato, infatti, come specificato nell’ultima relazione finanziaria annuale della Roma, "e’ tenuto a deliberare in merito ad atti di natura ordinaria e straordinaria al di sopra della soglia di operativita’ dell’amministratore delegato, in particolare per contratti di natura professionistico/sportiva superiori a 7,5 milioni di euro, con impegno di pronta relazione al Consiglio di Amministrazione", che si riunira’ un paio di giorni prima dell’assemblea dei soci, gia’ fissata per fine gennaio.  

NESSUN COMMENTO

Comments