Calcio, lunga marcia Prandelli: Italia in top five Fifa

Il tecnico della nazionale Cesare Prandelli durante l'allenamento di oggi 2 Settembre 2010 al centro tecnico di Coverciano.ANSA / CARLO FERRARO

Tre gol dell’Italia di Cesare Prandelli al ranking Fifa, dove passa dall’ottavo al quinto posto, superando l’Inghilterra di Hodgson e l’Olanda di Van Gaal. L’ingresso nella ‘top five’ mondiale delle nazionali e’ un riconoscimento alla lunga marcia azzurra, da Sudafrica 2010 in poi. Piombata al 16/o posto dopo il disastro di quel Mondiale, la nazionale di Prandelli non ha solo conquistato applausi, consensi e una finale a Euro 2012, ma anche posizione nel ranking che da’ poi indicazioni per le teste di serie del Mondiale.

Sul podio di quella classifica c’e’ sempre saldamente la Spagna davanti alla Germania e all’Argentina di Leo Messi che ha scavalcato il Portogallo di Cristiano Ronaldo.

Il balzo degli azzurri in classifica, aggiornata oggi dall’organo mondiale del calcio, e’ frutto anche delle due ultime vittorie ottenute contro Armenia e Danimarca, nel doppio impegno di qualificazione ai Mondiali di Brasile 2014 e che hanno consentito all’Italia di guadagnare appunto tre posti in classifica e di conquistare la quinta piazza, ma sono anche il coronamento di un ‘inseguimento’ durato tre anni, dai Mondiali del Sudafrica, quando l’Italia scese addirittura al 16mo posto nel ranking, ad oggi. Il riconoscimento della Fifa va di pari passo con quello del Pallone d’Oro, ora organizzato in coppia tra France Football e la confederazione mondiale guidata da Blatter: per la prima volta dopo lunghissimo tempo nella lista dei candidati finali alla vittoria ci sono ben tre italiani (Buffon, Pirlo, Balotelli) anche se la vittoria e’ questione per altri. E lo stesso ct azzurro, Prandelli, compare nel gruppo di candidati al riconoscimento di miglior tecnico. Tutti dati in controtendenza rispetto alle difficolta’ delle squadre italiane nelle coppe europee. Il calcio italiano negli ultimi anni ha perso un posto nella Champions League, e anche quest’anno la tendenza e’ negativa.

Tornando alla classifica Fifa, sempre fuori dalle prime dieci posizioni il Brasile che comunque ‘rosicchia’ una posizione e sale dal 14/mo al 13/mo posto in classifica. Tra le altre nazionali in grande spolvero, da segnalare la corsa della Colombia, salitra all’ottavo posto, e soprattutto della Russia di Fabio Capello che entra nella top ten (dal 12/mo al 9/o). Un posto in meno per Inghilterra e Olanda, una ‘retrocessione’ di quattro posti per l’Uruguay (ora 11/o), addirittura di cinque per la Francia scivolata in 18/ma posizione e penalizzata dalla sconfitta casalinga in amichevole contro il Giappone. Tra le forze emergenti, da segnalare i tre posti in piu’ per il Messico (14/ma posizione e +5), l’Ecuador (17/mo e +3) e l’Algeria che entra nelle prime venti (19/ma e +5). Impressionante infine il balzo in avanti del Belgio che guadagna 10 posizioni e si colloca al 20/mo posto nel ranking.

NESSUN COMMENTO

Comments