Calcio, Juve superstar – di Italo Cucci

Il calcio spagnolo ha un “clasico”, il fin troppo reclamizzato confronto fra Real Madrid e Barcellona appena risoltosi con una vittoria "all’italiana" di Mourinho che ha schierato i Blancos secondo lo schema "9-1" – paradossale ma non troppo – caro a Fabio Capello, i cui successi madrileni non furono graditi perché macchiati di "catenaccio".

I tempi cambiano, evidentemente, e le vittorie vengono salutate con gioia comunque. Basta rammentare la simpatica definizione con cui gli inglesi hanno salutato il successo del Chelsea sul Barça: "partita di una bellissima bruttezza".

In Italia si aspettava il ritorno della Juventus per rimettere in scena non solo il classicissimo Derby d’Italia fra bianconeri e nerazzurri – dal quale Ranieri è uscito con le ossa rotte – ma anche il confronto-scudetto fra Juve e Milan e l’ormai archiviata sfida fra la Signora e la Roma, riesumata con molta fantasia dai cronisti che addirittura s’erano immaginati un summit fra Del Piero e Totti, gli ultimi eroi di un calcio favoloso. In una notte – forse la più bella nel bellissimo Juve Stadium – Antonio Conte ha vinto il confronto a distanza con il Milan, finito nelle grinfie di un audace Bologna e salvato in extremis dal solito Ibrahimovic, e stravinto il nostalgico derby con la Roma portata da Luis Enrique alla disfatta con scelte che saranno drammaticamente discusse e che potrebbero costargli il seguito dell’avventura giallorossa. Forte di chissà quali presagi – compreso il volo degli uccelli nel cielo della Capitale – il tecnico spagnolo ha minacciato sfracelli, è andato a Torino per vincere, ha rinunciato al "vecchio Totti" (che aveva appena detto "voglio giocare fino a 40 anni"), ha snaturato il ruolo tecnico di De Rossi ed è stato castigato impietosamente: una doppietta di Vidal in cinque minuti (al 4′ e all’8) quando ancora la Roma non era riuscita a distendersi sul campo con un minimo di logica, e ancora un gol di Pirlo su rigore nel primo tempo al 29′ dopo l’espulsione del povero Stekelenburg offerto al massacro; Marchisio ha fatto poker all’inizio della ripresa, quando ci si aspettava dal Luis Enrique pentito una Roma rivoluzionata… Il resto non ha storia. Ne ha, piuttosto, la Juve tornata a dominare la scena calcistica nazionale dopo anni di dolore e di buio. E’ stato tentato di tutto, nei confronti di Antonio Conte, anche di metterlo a disagio con le rivelazioni di un pentito del Calcioscommesse. "Saremo più cattivi di sempre" – aveva risposto il Tecnico-Bandiera. E ha mantenuto la promessa. Consentendosi il lusso di risparmiare i giallorossi dopo avergli inflitto un umiliante 4 a 0. Forse il peggior affronto, ripensando alle antiche roventi sfide, quando Juventus-Roma era un "clasico".

Nel frattempo a Genova, dopo l’indecente "sequestro" della squadra rossoblù da parte di un gruppo di scalmanati, Preziosi ha esonerato per la seconda volta Malesani sostituendolo con De Canio. Su richiesta degli ultrà, immagino.

NESSUN COMMENTO

Comments