Calcio, Fiorentina senza sponsor: ‘il mondo del pallone ha perso appeal’

"La verità è che oggi è sempre più difficile trovare aziende che possano dedicare quote consistenti del budget a operazioni di visibilità o per mettere il loro logo su una maglia importante come la nostra. Il loro investimento medio tra l’altro è in netto calo soprattutto rispetto a tre-quattro anni fa", "per adesso non abbiamo individuato il partner giusto. E’ ovvio che al di là della contingenza ci sono pure le nostre esigenze e strategie commerciali. Quella viola del resto, oltre che bella, è una maglia che conta. Stiamo comunque vagliando le varie opportunità di mercato". Così Gianluca Baiesi, direttore esecutivo della Fiorentina spiega in una intervista a La Stampa perché il club di Della Valle è una delle sette squadre della serie A ancora senza sponsor.

"E’ il segnale che il mondo del pallone ha perso appeal. Il campanello d’allarme era arrivato negli anni scorsi ma adesso se ne è avuta una piena conferma, anzi il quadro è peggiorato. La serie A attrae meno rispetto all’Inghilterra e alla Spagna ma credo che iniziamo ad essere in difficoltà anche rispetto a Francia e Portogallo". E sostiene che "Figc e Lega calcio dovranno essere il motore della rinascita ma per attirare gli investitori serviranno anche nuovi impianti. Innovare e rinnovare: rispetto alle altre parti d’Europa, la situazione dei nostri stadi è molto triste".