Bueno (Misto) insiste: ‘estradare Pizzolato’. Ma Battisti è ancora libero in Brasile

L’On. Renata Bueno, eletta con l’USEI in Sud America e iscritta al gruppo Misto alla Camera, continua a portare avanti la propria battaglia a favore dell’estradizione dell’italo-brasiliano Henrique Pizzolato, condannato a scontare una pena di 12 anni e 7 mesi per la sua partecipazione attiva nel più grande scandalo di corruzione politica della storia del Brasile, il “Mensalão”, e fuggito in Italia alla ricerca di tranquillità per usufruire di quanto rubato al popolo brasiliano.

La deputata eletta all’estero ha scritto ieri, 8 aprile, una lunga lettera al ministro della Giustizia Andrea Orlando proprio per chiedere che Pizzolato venga consegnato alle autorità brasiliane.

Petruzziello (CGIE), ‘Renata Bueno cerca solo spazio sui media locali’ Italiani nel mondo, il caso Pizzolato divide gli eletti all’estero: ecco perchè

Tra le altre cose, Renata Bueno nella lettera a Orlando scrive: “L’estradizione di Pizzolato, la cui parola finale spetta a Lei, Signor Ministro, sarà probabilmente uno dei più rilevanti apporti che l’Italia offrirà al Brasile nella sua lotta contro un male che mette a rischio il vero ruolo delle istituzioni brasiliane per la realizzazione dello Stato di diritto e dei principi della democrazia in quel Paese: la corruzione. Inoltre, risulterà chiaro che l’Italia non è un rifugio per corrotti; che i cittadini che detengono la cittadinanza italiana e che hanno in qualche modo minato lo Stato di Diritto e la Democrazia di un altro paese non possono fare del nostro Paese un porto sicuro”.

Secondo Bueno “l’estradizione di Henrique Pizzolato è una forma per rendere onore all’eredità che ci hanno lasciato coloro che hanno lottato, pagando in qualche caso con la loro stessa vita, per la difesa della Democrazia e la costruzione di un vero Stato di Diritto in Italia”.

E il caso che riguarda Cesare Battisti? “Le successive tappe, ancora in evoluzione, della giustizia federale brasiliana, che ha giudicato Cesare Battisti per ciò che è realmente, un criminale comune, un assassino di persone innocenti, permettono di sperare che questo delinquente possa tornare in Italia a scontare la pena per i crimini che ha commesso, per la soddisfazione dei brasiliani e degli italiani”.

In conclusione Bueno scrive: “Signor Ministro, La prego di riflettere sugli argomenti che Le ho sottoposto e sul significativo peso che la  decisione di estradare Henrique Pizzolato può rappresentare in termini estremamente positivi per l’immagine dell’Italia: un Paese che antepone ad ogni altra questione il rispetto delle leggi e degli impegni assunti e che rifiuta l’idea di trasformarsi in rifugio per chi crede di proteggersi restando impunito per i suoi crimini, come ancora, purtroppo, avviene in Brasile per la criminalità più pericolosa”.

Ora, su ItaliaChiamaItalia lo abbiamo già commentato: perché tanto impegno da parte di Bueno nel chiedere l’estradizione di Pizzolato e così poco impegno, dall’altra parte, per chiedere che Battisti venga riconsegnato all’Italia? Renata Bueno, con la sua richiesta al ministro Orlando, fa gli interessi dell’Italia o piuttosto quelli del proprio Paese di residenza, ovvero il Brasile? A noi sembra che Renata sia in pieno conflitto d’interesse. All’onorevole chiediamo di prestare più attenzione, piuttosto, ai problemi della comunità italiana residente in Brasile e Sud America, che sono tanti, problemi di cui Bueno sembra essersi dimenticata, a giudicare dai suoi interventi e dalla sua attività legislativa. E su Pizzolato ci metta pure una croce sopra: Battisti è ancora libero, in Brasile, e l’Italia in questo caso non è pronta a porgere l’altra guancia.

NESSUN COMMENTO

Comments