Borse soffrono Grecia, spread vola sopra quota 450

Grecia dentro o fuori dall’euro, rischio contagio, la minaccia incombente di un crac delle banche spagnole e di un collasso finanziario di Madrid. E’ alta tensione sulle Borse del Vecchio Continente che oggi mancano il rimbalzo, dopo i ribassi della vigilia, mentre riparte la corsa degli spread con il divario Btp-Bund che vola sopra i 450 punti, massimo da gennaio, e quello della Spagna che sfonda il record oltre quota 500. I listini europei sbandano tra ribassi, in alcuni casi consistenti, e tentativi di recupero per poi chiudere deboli, fatta eccezione per i guadagni di Parigi (+0,31%). Milano riesce a chiudere sulla parita’ assieme a Francoforte (-0,2%), mentre Londra cede lo 0,60%. Pesanti Madrid e Atene che archiviano un -1,33%. A Piazza affari le vendite su Mps (-3,91%) sono compensate da Bpm (+4,37%), Intesa SanPaolo (+2,05%), e al rally di Finmeccanica (+4,58%).

La forte volatilita’ e’ il termometro delle paure del mercato che non trova linee guida in una Europa in recessione con ambizioni di crescita in regime di austerita’, e che inciampa sulla questione eurobond e i dubbi sulla forza della leadership europea, cosi’ come del firewall, per salvare la Grecia e l’eurozona. Se a mezza bocca si inizia a parlare di una sorta di Piano Marshall per Atene – oggi la cancelliera Angela Merkel e il presidente della Bce, Mario Draghi, hanno detto chiaramente che vogliono la Grecia nell’euro – la situazione si fa difficile per i mercati che hanno fretta di vedere fatti. Per ora, Atene prova a uscire dal caos e lavora al governo ad interim in vista delle elezioni che si terranno pero’ tra un mese.

E la Spagna lancia l’allarme: Madrid rischia di non avere piu’ accesso ai mercati per finanziarsi, ha detto il premier Mariano Rajoy, il quale se esclude un salvataggio chiede pero’ a Ue e Bce un ‘messaggio forte’ di difesa dell’euro e della sostenibilita’ dei debiti pubblici.

Lo spread tra Btp e Bund decennali e’ risalito sopra i 450 punti per la prima volta da gennaio, con il rendimento Btp che si e’ riavvicinato alla soglia critica del 6%, per poi chiudere a 436. La forbice tra i Bonos di Madrid e il Bund sfonda per la prima volta quota 500 ed e’ ennesimo record per tassi della Grecia che superano il 30%. Ora si guarda al test di domani per il Tesoro di Madrid: in asta titoli con scadenza 2015 e 2016 con tassi che potrebbero segnare un netto rialzo, mentre oggi Parigi ha piazzato agilmente 8 miliardi di bond con tassi in calo sulle scadenze a 2 e 5 anni.

NESSUN COMMENTO

Comments