Borghi (Lega), “se non fossimo stati in coalizione magari avremmo preso più voti”

“M5S? Non possiamo far finta che non esista, mi auguro che ragionino da persone adulte. Se l'Europa è spaventata vuol dire che si spaventa della democrazia”

Il leghista ed economista Claudio Borghi sui risultati delle elezioni parlando a Radio Cusano Campus ha detto: “Se non fossimo stati in coalizione nel centrodestra magari la Lega avrebbe preso più voti. Non c’è la controprova. Il dato certo è che all’interno del centrodestra abbiamo raggiunto un risultato notevole, è stata confermata la leadership di Salvini. All’interno di tutte le coalizioni in gara il centrodestra risulta il primo gruppo parlamentare, è stata una vittoria su tutta la linea”.

Dialogo con M5S. “Sarebbe sbagliato far finta che non esista il M5S, che è stato votato da un terzo dagli italiani, allo stesso modo spero che il M5S riconosca che più di un terzo degli italiani ha votato centrodestra e quindi mi auguro che ragionino da persone adulte” ha affermato Borghi.

Reazioni dell’Europa al voto? “Se l’Europa è spaventata vuol dire che si spaventa della democrazia –ha affermato Borghi-. All’Europa è stato recapitato un messaggio preciso, vale a dire che le politiche finora fatte non vanno bene. Le forze che si dichiaravano esplicitamente europeiste sono state penalizzate”.