Berlusconi, “dopo il referendum deciderò se lasciare la politica”

E poi: “Se Salvini e Meloni non accettassero di far parte della coalizione di centrodestra, cosa che escludo assolutamente, diventerebbero semplicemente irrilevanti". Le primarie? “Solo se per legge”

Silvio Berlusconi annuncia a sorpresa: “Dopo il 4 dicembre deciderò se lasciare per sempre la politica”. Nel corso della trasmissione Cartabianca su Rai Tre, il Cavaliere parlando di centrodestra spiega: “Se Salvini e Meloni non accettassero di far parte della coalizione di centrodestra, cosa che escludo assolutamente, diventerebbero semplicemente irrilevanti”.

Le primarie? “Se fossero regolate da una legge non avrei nulla da dire contro le primarie, come le ha fatte il Pd sono delle farse”. Quindi ad una eventuale competizione nel centrodestra ”senza legge non parteciperei, sarebbero primarie truccate”, avverte il leader di Fi che pronostica ”file di stranieri” o gente ”portata con i pullman” che per ”qualche euro va a votare senza nemmeno sapere su cosa”.

Sono Salvini e Meloni a spingere per le primarie nel centrodestra, ma anche il governatore forzista della Liguria Giovanni Toti. Intenzionate a correre ci sarebbero anche Maria Stella Gelmini e Mara Carfagna: decisamente troppi candidati per il Cavaliere, che vede con preoccupazione l’eccessiva frammentazione dell’elettorato forzista.

BOTTA E RISPOSTA Durante la trasmissione su Rai Tre, botta e risposta tra Silvio Berlusconi e Bianca Berlinguer. Il Cavaliere aveva iniziato ad elencare le ragioni per cui bisogna votare no, ma la conduttrice lo interrompe dicendo di dover fare delle domande e sottolineando come il tempo della trasmissione non sia molto: “Non siamo da Vespa, abbiamo pochi minuti e lei mi deve lasciare il tempo di fare delle domande”, spiega la Berlinguer. Il Cavaliere allora controreplica: “Signora, se lei non mi fa rispondere allora non facciamo l’intervista e io vado via. Queste sono questioni serie a cui non si puo’ rispondere si’ o no”.