Berlusconi e il governo del fare – di Antonio Gabriele Fucilone

Credo che sia arrivato il momento di fare un po’ di "controinformazione" sull’operato del Governo. Purtroppo, molti mass media continuano a parlare dei presunti festini hard di Arcore, gettando fango sulla persona del presidente Berlusconi e distraendo l’opinione pubblica da quello che è l’operato del Governo. L’operato dell’attuale Governo non è affatto negativo. Cito alcuni esempi pratici per dimostrarlo.

Infrastrutture. Questo Governo ha ammodernato molte infrastrutture come autostrade e ferrovie. Giusto nell’estate appena trascorsa, ero andato in Sicilia e ho trovato parecchi tratti delle autostrade che sono ammodernati ed efficienti. Il paradigma è l’autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria. Questa autostrada ha fatto enormi progressi, nonostante i problemi del dissesto idrogeologico di varie zone, la crisi e gli attacchi della criminalità organizzata. Il tratto campano è praticamente ammodernato, come anche parte di quello lucano. Nel viaggio di ritorno, ad esempio, ho di fatto "inaugurato" due nuove gallerie, essendo stato tra i primi a transitarvi. Vogliamo parlare anche di altre cose?

Bene, parliamo delle 375.000 norme inutili (in un totale di 190.000 leggi) che sono state abolite dal ministro Roberto Calderoli. Queste leggi rendevano farraginoso il sistema. Parliamo anche della politica anti-mafia del Governo. Con questo Governo vengono arrestati ben 8 mafiosi al giorno e sono stati messi in galera ben 29 su 30 super latitanti. Inoltre, è stato ripristinato l’articolo 41 (quello del carcere duro) ed è stato impiegato anche l’esercito, per difendere i cantieri dell’autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria e contro la camorra, nel Casertano. I beni confiscati alla criminalità organizzata sono tantissimi.

Per quanto riguarda l’università, è stata fatta una riforma importante che taglia gli sprechi. Prima, troppo spesso, le università italiane spendevano i soldi che lo Stato dava loro in facoltà inutili. Inoltre, vi è il problema delle "baronie" che hanno tolto ogni criterio meritocratico. La riforma fatta dal ministro Gelmini va nel segno opposto. L’unico passaggio che manca è il collegamento tra scuola ed università e mondo del lavoro, ma questo si farà.

Riguardo ai giovani, il ministro Giorgia Meloni ha stretto un accordo con il presidente dell’INPS, Antonio Mastrapasqua, e quello dell’Associazione Bancaria Italiana, Giuseppe Mussari, per aiutare i giovani a studiare e le giovani coppie a farsi una casa. Queste sono solo alcune delle cose fatte da questo Governo. Come si fa a dire che tutto sia negativo?

NESSUN COMMENTO

Comments