Berlusconi a Salvini, “non chiudere la porta al Pd”. Ma il leghista, “mai con Renzi e Boschi” [VIDEO]

Il leader della Lega si sente sempre più spesso con il capo dei pentastellati, Luigi Di Maio, ma non è sicuro che alla fine i grillini saranno disposti a cedere. Così il Cav gli sussurra, “apri al Pd”. Ma lui non ne vuole neppure sentire parlare

Niente da fare, nemmeno la Santa Pasqua ha aiutato le forze politiche a prendere una decisione sulla possibile formazione di un esecutivo. Anzi, ora come ora tutto è in alto mare, tanto che secondo alcuni l’unica soluzione possibile alla fine sarà tornare al voto prima possibile. Anche se uno come Silvio Berlusconi lavora perché non sia così, “il Paese ha bisogno di stabilità”, ripete in continuazione a chi gli è più vicino, ma anche a Matteo Salvini.

Il leader della Lega si sente sempre più spesso con il capo dei pentastellati, Luigi Di Maio, tanti scommettono anche in queste ore che M5S e Lega abbiano in realtà già un accordo; eppure non è sicuro che alla fine i grillini saranno disposti a cedere. Loro vogliono Di Maio premier e finora non hanno dimostrato di essere aperti al dialogo su questo punto. Dunque?

Ecco che Berlusconi, secondo quanto scrive il Giornale, starebbe sussurrando nell’orecchio di Salvini, facendogli capire che chiudere la porta al Partito Democratico sarebbe un errore, “non bisogna avere pregiudizi nei confronti di nessuno, qui c’è di mezzo l’interesse dell’Italia”, continua a ribadire il Cavaliere.

Il fatto che è il leader delle camicie verdi non ne vuole neppure sapere di fare accordi col Pd per andare al governo: “Mai con Renzi o la Boschi”, è il suo mantra.

Dunque, che succederà? Impossibile dirlo al momento. La settimana che sta per cominciare è importantissima, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella riceverà le diverse forze politiche al Quirinale per le consultazioni. Mattarella svolgerà il ruolo di “arbitro”, ancora una volta.