Attentato Berlino, Garavini (Pd): “Solidarietà a familiari vittime e alla Germania”

“Dobbiamo evitare che il prevalere della paura ci induca a soffocare le principali libertà delle nostre società nel tentativo di diminuire i rischi”

“Vorrei esprimere grande vicinanza ai familiari delle vittime perite nell’attentato a Berlino e sincera solidarietà da parte dell’Italia alla Germania. La ‘Gedächtniskirche’ è un luogo di incontro e di gioia, dalla forte valenza simbolica. Con questo ulteriore colpo al cuore dell’Europa si è ferito un luogo simbolo della pace e dell’amicizia, monito contro le guerre e le lacerazioni tra i popoli. Adesso bisogna proseguire ancora più intensamente nei processi di collaborazione a livello internazionale tra le forze di intelligence. Con fermezza e con mano dura”. Lo ha dichiarato Laura Garavini, della Presidenza del Pd alla Camera, nonché Presidente dell’Intergruppo parlamentare di amicizia italo-tedesco.

“L’Italia ha fatto un buon lavoro nell’ultimo anno, innanzitutto – sottolinea Garavini – con l’adozione di provvedimenti anti terrorismo e poi con l’applicazione dei controlli e la raccolta delle impronte finalizzate alla identificazione dei migranti in arrivo. Non ci possiamo permettere buchi nella sicurezza. Adesso bisogna controllare ancora più minuziosamente che gruppi terroristici e lo Stato Islamico non usino le rotte dell’immigrazione per fare entrare terroristi in Europa.

D’altro lato dobbiamo adesso evitare false generalizzazioni e l’assalto all’untore, cioè la bieca colpevolizzazione di tutti i migranti, solo per il fatto di essere tali. Non possiamo permetterci di cadere nel panico. Semmai dobbiamo concentrarci nella celere implementazione degli accordi stilati in materia di scambio dei dati a livello europeo e nel migliorare la collaborazione tra forze dell’ordine mettendo in campo tutte le misure più idonee ad evitare ulteriori casi di questo tipo”.

“Al contempo – conclude Garavini, deputata Pd eletta nella ripartizione estera Europa e residente in Germania – dobbiamo evitare che il prevalere della paura ci induca a soffocare le principali libertà delle nostre società nel tentativo di diminuire i rischi. Perché se iniziamo a limitare le libertà, allora ci pieghiamo ai terroristi e lasciamo che loro vincano. Questo non possiamo permettercelo”.