Attentato alla scuola di Brindisi, tutte le piste sono valide! – di Antonio Gabriele Fucilone

Questo week end è da ricordare. Ovviamente, uso un eufemismo. Il terremoto che ha colpito l’Emilia-Romagna è la tragedia più vicina nell’arco temporale. Purtroppo, so bene della cosa, visto che esso si è fatto sentire qui nella Provincia di Mantova. Qui a Roncoferraro è stato forte. Ho passato una notte terribile, tra lampadari che oscillavano e muri, oggetti e vetri che tremavano. Ne ho parlato sul mio blog "Italia e mondo".

Purtroppo, ieri c’è stata una tragedia non meno grave. Sono stati fatti esplodere degli ordigni di fronte alla scuola "Morvillo-Falcone" di Brindisi ed è morta una studentessa ed altri cinque allievi sono rimasti feriti. Trovo che ciò sia sconvolgente. Già c’è chi accusa la mafia, ed il fatto che sia stata colpita una scuola intitolata alla moglie di Giovanni Falcone, il noto giudice che fu ucciso dalla mafia il 23 maggio 1992, proprio in una data prossima alla ricorrenza di tale attentato, può avallare questa tesi. Io, però, sono d’accordo con chi dice che si debbano vagliare altre piste, oltre a quella mafiosa. Questo attentato potrebbe essere stato un gesto di un folle, come potrebbe essere stato quello di un terrorista.

Sappiamo tutti che ci sono tensioni di vario genere, a causa di questa crisi, che non è solo economica. Bisogna capire se l’attentatore abbia agito da solo e se sia stato mandato lì da altri.

Riguardo al terrorismo, faccio una considerazione. Come ha detto il Ministro degli Interni, Anna Maria Cancellieri, c’è il rischio di un’escalation terroristica, viste le numerose tensioni che ci sono verso la politica e verso le istituzioni. Bisogna stare attenti. Il succitato ministro ha ragione nell’affermare che serva più intelligence. Tuttavia, credo anche che servano maggiori forze in campo, anche militari. E’ morta una ragazza ed altre cinque persone sono rimaste ferite. Su questo non si deve scherzare e si deve stare attenti. Per questo motivo, io ritengo che tutti noi dobbiamo abbassare i toni, cominciando dalla politica, fino ad arrivare ai mass media, che spesso e volentieri fanno da cassa di risonanza a certi "predicatori".

Questo attentato è stato un gesto vile che ha causato la morte di una ragazza che aveva tutta la vita davanti. Spero che ciò sia capito da tutti.

NESSUN COMMENTO

Comments