Assalto a portavalori su A14, banditi armati di kalashnikov

Un assalto studiato nei minimi dettagli, calcolando imprevisti e puntando sull’effetto sorpresa. Scene da film sull’autostrada A14, quando un commando di sette-otto uomini, in tuta mimetica, armati di kalashnikov e fucili a pompa pronti a fare fuoco, ha bloccato un furgone portavalori tra Vasto nord e Vasto sud riuscendo a portar via, con una fuga rocambolesca, oltre 600mila euro in contanti destinati a istituti di credito del Molise e 3.000 franchi svizzeri. La caccia ai banditi ha portato a un primo fermo a Vasto mentre in Molise, dove si sono estese le ricerche fin da subito, a un posto di blocco tre si sono dati alla macchia nelle campagne abbandonando un furgone nel quale sono stati trovati 220mila euro e armi.

Tutto e’ cominciato poco dopo le 8 di questa mattina. Il gruppo armato, a bordo di tre auto – una Porsche Cayenne, un’ Alfa 159 SW e un’Audi 4 – ha prima affiancato, poi bloccato un furgone della societa’ ‘Aquila’ di Ortona. I banditi hanno esploso decine di colpi contro il blindato, costringendo i tre vigilantes a fermare il mezzo, scendere e sdraiarsi a terra. Nel frattempo altri malviventi bloccavano alcune auto in transito e si facevano consegnare le chiavi dai conducenti, per poi gettarle nella campagna circostante. Due componenti del gruppo, saliti sul tetto del furgone portavalori, con cesoie da carrozziere hanno praticato un foro nella botola, sono entrati nel caveau e hanno prelevato le sacche con il denaro. Hanno percorso 4 km a bordo delle loro tre auto che hanno poi abbandonato e dato alle fiamme, cospargendo la sede stradale di chiodi. Sono poi scappati a piedi fino alla strada provinciale 181. Qui due automobilisti sono stati fermati e derubati dei loro mezzi con cui i rapinatori sono ripartiti verso sud.

Nella vicina San Salvo (Chieti) i malviventi hanno abbandonato i due veicoli per il cambio di mezzi. In un garage poco distante i Vigili Urbani hanno trovato 30mila euro. Immediatamente attivati posti di blocco in Abruzzo e Molise, un elicottero della Polizia si e’ alzato in volo per le ricerche. Secondo una prima ricostruzione, a San Salvo si sarebbero diretti verso la zona industriale della citta’ imboccando presumibilmente la SS 650 Fondovalle Trigno. All’altezza di Montefalcone nel Sannio (Campobasso), un furgone Fiat Scudo con a bordo tre dei malviventi e’ incappato in un posto di blocco dei Carabinieri della compagnia di Termoli. I tre hanno tentato di investire i militari poi poco piu’ avanti hanno lasciato il furgone e sono fuggiti a piedi nelle campagne molisane. Nel furgone sono stati rinvenuti due fucili a pompa pronti a fare fuoco, un fucile d’assalto di fabbricazione russa con doppio caricatore contente oltre 40 cartucce, due sacchi con oltre 220mila euro, guanti e passamontagna usati dai rapinatori.

Il tratto autostradale e’ rimasto chiuso per alcune ore, con il traffico deviato per le auto sulla Ss 16, mentre i mezzi pesanti sono rimasti bloccati. In mattinata riunione operativa nel Commissariato di Vasto presenti anche Carabinieri e Stradale. Ascoltati insieme ad alcuni testimoni, i tre vigilantes hanno raccontato di attimi ‘interminabili e tremendi’. Le indagini, coordinate dal sostituto procuratore della Procura di Vasto, Enrica Medori.

NESSUN COMMENTO

Comments