A Capri sequestrato il lido “Nettuno”, proprio vicino alla Grotta Azzurra

Il sequestro riguarda una struttura immobiliare della superficie di circa 4.000 mq e che si sviluppa su terrazzamenti degradanti con fronte visivo di quasi 30 metri

Giugno burrascoso a Capri, ma non dal punto di vista del meteo. Il lido “Nettuno” ad Anacapri, proprio vicino alla Grotta Azzurra, è stato sequestrato dalla Guardia di Finanza nelle scorse ore. 17 gli avvisi di garanzia.

Il decreto di sequestro preventivo, emesso dal Gip del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Procura della Repubblica, riguarda una struttura immobiliare della superficie di circa 4.000 mq e che si sviluppa su terrazzamenti degradanti con fronte visivo di quasi 30 metri.

Secondo quanto emerso dalle indagini i lavori di ristrutturazione e riqualificazione eseguiti a partire dal 2014 presso il complesso immobiliare, ultimati nel marzo 2016, sarebbero stati eseguiti sulla base di permessi illegittimi, in violazione della normativa urbanistica e paesaggistico-ambientale.

Tra gli indagati il proprietario del lido Nettuno, i direttori dei lavori nonche’ i dirigenti ed i funzionari dell’Ufficio tecnico comunale di Anacapri, i componenti della Commissione locale per il paesaggio e della Commissione edilizia di Anacapri, funzionari e tecnici della Soprintendenza per i beni architettonici, paesaggistici, storici ed artistici di Napoli e Provincia.