8 marzo, auguri a tutte le donne da parte del MAIE

Auguri per la festa della donna sono arrivati da tutte le coordinatrici d’Europa, dalla Germania alla Svizzera come pure dalla Danimarca alla Slovenia. Ecco i loro messaggi

Le nostre donne sono la nostra forza. Non solo l’8 marzo, ma tutti i giorni dell’anno. Lo scorso sabato il MAIE ha confermato di essere un Movimento completo in tutto. La coordinatrice del Movimento per tutta l’Europa, Anna Mastrogiacomo, ha nominato un’altra donna, Cristina Magnani (nella foto assieme ad Anna) coordinatrice per le Donne e per le pari opportunità nella sezione MAIE del Canton Ticino, una donna impegnata e capace che da anni svolge il suo lavoro con passione e costanza, da tempo spalla del vice coordinatore Luciano Milan Danti anche prima che entrambi entrassero a far parte della grande famiglia del MAIE.

Anna Mastrogiacomo ha nominato diverse donne negli ultimi tempi a capo del coordinamento di diverse aree geografiche europee, a dimostrazione del fatto di quanto siano utili ed importanti nel mondo politico quanto in quello domestico.

Auguri per la festa della donna sono arrivati da tutte le coordinatrici d’Europa, dalla Germania alla Svizzera come pure dalla Danimarca alla Slovenia. Le nostre donne sanno quanto sia importante aiutare la politica ad essere più concreta e solidale e quanto siano importanti i diritti da dover far rispettare. Le donne del Movimento Associativo Italiani all’Estero hanno voluto lasciarci un augurio personale a cui aggiungiamo il nostro e quello di tutti gli amici del MAIE.

Anna Mastrogiacomo
Anna Mastrogiacomo e Cristina Magnani

Cristina Magnani, coordinatrice donne e responsabile pari opportunità Maie-Ticino: “Sono onorata di essere entrata a far parte della grande famiglia che è il MAIE. Orgogliosa della nomina ricevuta, porterò avanti con massimo impegno questa battaglia in difesa dei diritti delle donne. È inammissibile che nel 2017 ci siamo ancora discriminazioni salariali e lavorative nei confronti delle donne, com’è inconcepibile che le donne debbano ancora subire violenze fisiche e psicologiche. In vista dell’8 marzo, colgo l’occasione per fare i miei più sinceri auguri a tutte le donne, ricordando però che il rispetto, l’amore e la gratitudine, sono un impegno che deve ripetersi ogni giorno della vita e non da ricordarsi solo l’8 marzo. Auguro a tutte le donne una vita priva di violenze e piena di persone intelligenti, capaci di abbattere il muro della discriminazione. Auguro di ravvedersi a tutte le persone ottuse, che ancora inventano diversità tra i sessi”.

Antonella Rega, capo segreteria MAIE Mondiale: “Sembra che sia stata Virginia Woolf ad affermare che ‘dietro ogni grande uomo c’è sempre una grande donna’. Mi è sempre sembrata una frase che offenda la donna in generale, perché la pone inevitabilmente sempre un passo indietro all’uomo, al suo compagno, a suo marito, forse anche suo figlio, ma anche superiore o collega di lavoro. Se le donne sono poco presenti nella storia, nelle arti, nelle scienze e nell’esercizio del potere però forse non è solo colpa del sesso forte. E’ anche un po’ colpa loro, anzi nostra. Ecco perché nel giorno della festa delle donne auguro a tutte NOI di essere più CONSAPEVOLI: consapevoli di quello che siamo, di quello che valiamo, di quanto contiamo nella società in cui viviamo e nella storia. Perché è da noi che deve partire il cambiamento culturale. Se ci riterremo NOI PER PRIME degne di rispetto, considerazione e attenzione otterremo anche dagli altri rispetto, considerazione e attenzione. Perciò auspico che quella citazione iniziale sia sostituita oggi da questa: ‘dietro ogni donna realizzata e libera c’è una donna consapevole’”

Valentina Petaros, coordinatrice MAIE-Slovenia: “Per festeggiare l’orgoglio di essere donne, per avere la forza di lavorare in multitasking e per avere abbastanza amore per essere mamme, donne, amanti e confidenti nonché la spalla su cui piangere e le labbra che ti hanno insegnato a sorridere. Auguri donna e rimani donna sempre, anche con chili in più, con rughe, con capelli bianchi, alla fine dei conti siamo sempre le stesse, non ha senso guardarci con occhi diversi da questi”.

Grazia Mirabelli, coordinatrice MAIE-Dasnimarca: “Un augurio a tutte noi che ogni giorno guardiamo avanti verso nuovi obiettivi da realizzare, siamo tante, siamo forti e siamo fiere continuando a guardare il nostro futuro aldilà delle piccole debolezze quotidiane che malgrado tutto ci proteggono, facendoci sentire donne, fino in fondo, donne!”.

La coordinatrice europea Anna Mastrogiacomo è felice delle sue scelte e ribadisce che le donne sono in ogni ambito della vita il fulcro attorno al quale ruota la felicità di una società che ama definirsi civile. Auguri a tutte le donne da tutto il Movimento Associativo Italiani all’Estero.