74esimo giorno di guerra in Venezuela, ancora scontri in tutto il Paese

Ventitre persone sono state arrestate nel comune di Libertador, vicino a Caracas, perché manifestavano contro il dittatore Maduro

#SOSVenezuela, giorno 74 di scontri in tutto il Paese. Ventitre persone sono state arrestate nel comune di Libertador, vicino a Caracas, perché manifestavano contro il dittatore Maduro.

Il ministro venezuelano per le relazioni interne, la giustizia e la pace, Nestor Reverol, ha detto sul suo Twitter che 23 terroristi sono stati arrestati “dopo un intervento nelle residenze di El Paraiso”. Ha aggiunto che i sospetti hanno ferito quattro funzionari di sicurezza mentre hanno eretto una barricata attraverso una strada nella comunità, a ovest della capitale.

Il Venezuela è nel suo terzo mese di proteste dall’opposizione, che hanno lasciato almeno 67 persone morte in tutto il paese. Il partito di opposizione ha accusato il presidente Nicolas Maduro della crisi politica ed economica e ha chiesto nuove elezioni; un tentativo di riscrittura della Costituzione dovrebbe essere eliminato.

Nel frattempo un gruppo di manifestanti è stato costretto a dividersi oggi nella città di Altamira, un bastione di avversari di Chavez, a Caracas orientale, dopo diversi colpi che sono stati sparati nelle vicinanze. Decine e decine di manifestanti che avevano in precedenza resistito ai gas lacrimogeni usati dalla polizia Bolivariana nazionali (PNB) e la Guardia nazionale Bolivariana (GNB, polizia militarizzata), hanno lasciato il proprio posto a ritmo accelerato dopo una ventina di colpi che sono stati sentiti nelle vicinanze di Plaza Francia.