20enne di Tivoli stuprata, Francesco Tuccia arrestato – di Carlo Di Stanislao

Un arresto non è ancora colpevolezza, per la quale occorrerà un giudizio, ma intanto oggi è stato arrestato (qualcuno aggiunge, finalmente) Francesco Tuccia, militare 21enne di origine irpina, già indagato per lo stupro di una 20enne di Tivoli, all’esterno della discoteca “Guernica” de L’Aquila, nella notte tra l’11 e il 12 febbraio scorsi.

A lui, volontario del 33/o reggimento Artiglieria Acqui, vengono contestati i reati di tentato omicidio e violenza sessuale, mentre una nota dei carabinieri che hanno eseguito le indagini precisa che i suoi tre amici, due militari e una ragazza, mai iscritti nel registro degli indagati,  sono risultati assolutamente estranei ai fatti.

I vertici del 33/o Reggimento Artiglieria Acqui, una volta formalizzato l’ordine d’arresto, hanno attivato tutte le procedure amministrative per salvaguardare l’immagine dell’Esercito, sicché è molto probabile che nei confronti del giovane militare scatti la sospensione dall’incarico.

L’avvocato Alberico Villani, difensore di Tuccia, ha dichiarato che occorrerà in primo luogo guardare gli atti e non si sbilancia nel merito dei prossimi passi della strategia difensiva, anche se, nei giorni scorsi, aveva affermato che, parlando con il suo assistito,  si era fatto l’idea di un rapporto sessuale consenziente.

Strano rapporto consenziente, comunque,  se fonti della Procura parlano di ferite gravissime sulla  giovane ventenne, che è ancora degente presso l’Ospedale S. Salvatore, con ferite così gravi che potrebbero risultare invalidanti.

Certo, da medici, sappiamo che l’erotizzazione dell’aggressività è sempre stata oggetto di molti studi, con Freud che ci dice che il sadismo non sarebbe altro che una patologica accentuazione delle componenti aggressive presenti in ogni comportamento sessuale, specie maschile; mentre il masochismo, sarebbe entro certi limiti una componente propria della sessualità femminile che in alcuni casi sconfina. Ma la letteratura ci dice anche che i casi sono davvero molto rari.

E’ nota, nella storia della parafilie più efferate, la raccapricciante vicenda di Albert Fish, conosciuto anche come l’Uomo grigio, il Lupo mannaro di Wysteria, il Vampiro di Brooklyn e Il Maniaco della Luna, che  vantò di aver molestato più di 400 bambini e di averne uccisi più di 100, quasi tutti afroamericani, dichiarando che essi erano al culmine dell’orgasmo  mentre venivano seviziati ed uccisi.

L’ordine di arresto per il militare avellinese, su cui si erano subito addensati i primi sospetti in quanto era stato notato all’interno della discoteca con la studentessa universitaria,  è stato emesso dal Gip aquilano Giuseppe Romano Gargarella, su richiesta del pm David Mancini.

Le deposizioni da lui rese nell’immediatezza dei fatti ai carabinieri del comando provinciale dell’Aquila, guidati dal colonnello Savino Guarino, a quanto è dato sapere, risultano caratterizzate da parecchie contraddizioni e circostante ritenute non vere.

In particolare il militare avrebbe prima negato e poi ammesso il rapporto sessuale, che, tuttavia – secondo lui – sarebbe stato consenziente. Sempre il giovane era stato trovato con macchie di sangue sulla camicia e su un braccialetto, sangue appartenente, secondo i carabinieri del Ris di Roma, alla ragazza violentata.

Naturalmente non ho elementi né ruolo per un giudizio, e questa non è la sede per emetterne alcuno, sia di innocenza che di colpevolezza.  Ciò che è invece è certo è che uno stupro è sempre un pasticciaccio da cui si esce con difficoltà o non si esce affatto.

Possiamo senz’altro dire che ogni violenza su una donna, a qualsiasi titolo perpetrata, è il segno di una corruzione estrema che gli uomini attuano per il potere e comunque vadano le cose, chiunque sia colpevole o innocente, in ogni caso e sempre, uno stupro è morte e sangue, non solo per la vittima, ma per l’intera società.

NESSUN COMMENTO

Comments