14 marzo, Giornata del sesso orale: ecco perché

Un modo per fare informazione. Lo sapevate che il sesso orale aumenta del 23% la possibilità di contrarre tumori della bocca e del cavo orale?

Oggi è la giornata internazionale del sesso orale, una manifestazione nata negli Stati Uniti in contrapposizione a San Valentino. Negli ultimi tempi la ricorrenza si è trasformata anche in un modo per informare su benefici e sulle complicazioni che il sesso orale può provocare nel caso in cui si ecceda…

Molti di voi si metteranno a ridere, ma la cosa è seria. Sono diversi i rischi del sesso orale, in verità. Possibili conseguenze spiacevoli che bisogna conoscere.

Per esempio, lo sapevate che il sesso orale aumenta del 23% la possibilità di contrarre tumori della bocca e del cavo orale? Non solo: il virus Papilloma è diventato una delle principali cause di tumori all’apparato dell’orofaringe, con una percentuale che tocca il 36% per un cancro che colpisce circa 12 persone all’anno ogni 100mila abitanti. Per sfuggire al virus è disponibile non solo un vaccino contro il Papilloma (per ora per le donne, presto arriverà anche quello maschile), ma a volte basterebbe dotarsi di un preservativo o altri oggetti, come il Dental dam, che permettono di proteggersi dalle infezioni.

In tutto il mondo quella che si celebra oggi è in realtà la Giornata del sesso orale. Oggi l’hashtag #GiornataMondialeDelSessoOrale è in cima ai trend di Twitter, e i festeggiamenti non finiscono qui: il prossimo 14 aprile, tra un mese esatto, sarà il Cake & cunilingus day, la Giornata della torta e del sesso orale femminile. Il risvolto benefico? La lotta contro il cancro alla prostata.

NESSUN COMMENTO

Comments