Italiani all’estero, riunito il FAIM a Roma: ecco com’è andata

Rafforzare la rappresentanza associativa degli italiani nel mondo come condizione di cambiamento positivo, solidale e partecipato

Il Consiglio Direttivo del Forum delle Associazioni degli italiani nel mondo (FAIM) si è riunito venerdì 6 aprile, a Roma. La discussione si è concentrata su una analisi del quadro sociale e politico e ha approvato le linee di sviluppo organizzativo e operativo proposte dal Comitato di Coordinamento (CD). Alla riunione hanno partecipato i componenti delle diverse federazioni associative italiane e regionali e quelli giunti da Francia, Argentina, Svezia, Australia e Spagna. I lavori sono stati aperti dal presidente del CD, Rodolfo Ricci, che partendo da una valutazione dei risultati del voto all’estero ha evidenziato i cambiamenti strutturali che attraversano le collettività emigrate e la necessità di una riflessione approfondita su come l’associazionismo può al meglio rappresentarle e contribuire a rispondere a bisogni ed aspettative di una popolazione oltre confine che è passata dai circa 3,6 milioni del 2006 agli attuali 5,6 milioni (iscritti all’Aire), oltre ad un altro milione di persone che pur essendo all’estero non figura nelle statistiche ufficiali (Nuova emigrazione).

A fronte di questi numeri, l’elettorato attivo continua a diminuire; solo circa un quarto degli aventi diritto ha votato; ciò mostra che, al netto delle riconfermate inefficienze e difficoltà di gestione del voto per corrispondenza, oltre la metà dei potenziali elettori non si esprime, mentre, allo stesso tempo, la nuova e più recente emigrazione non è in condizione di votare in quanto solo in minima parte è ricompresa negli elenchi Aire. Nella relazione introduttiva a nome del Comitato di Coordinamento, il Portavoce Rino Giuliani ha evidenziato gli effetti causati dai cambiamenti sociali, ha illustrato il lavoro svolto in quest’ultimo anno e le prospettive di impegno futuro che ripropongono il FAIM come soggetto di ampia rappresentanza sociale autonoma che ha la responsabilità di assumere la domanda di tutele, di sicurezza e di welfare che emerge dagli italiani all’estero, cui in questi anni non è stata data risposta e che, con la nuova emigrazione, si ripropongono in termini ancora più pregnanti. É stato fatto osservare da molti intervenuti come il voto confermi l’apertura di una nuova fase che modifica assetti e coordinate di riferimento. Essa interroga tutti pur confermando buona parte delle analisi che hanno costituito elemento fondativo del FAIM, che oggi è impegnato a perseguire gli obiettivi affidatigli dal 1° Congresso in un quadro sociale in rapido cambiamento.

“L’obiettivo da perseguire – ha osservato Giuliani – è di mettere a disposizione delle nostre comunità all’estero un forte soggetto associativo sempre più rappresentativo; di costruire, a tal fine, alleanze sociali trasparenti e forti su contenuti condivisi (in particolare con il mondo del terzo settore); di promuovere la crescita delle reti associative FAIM nelle regioni e all’estero”. L’adesione al FAIM di altre 16 associazioni che si aggiungono alle 85 già presenti in assemblea, è un segnale incoraggiante. Le associazioni costituiscono una ricchezza collettiva fondamentale che va tutelata e sostenuta nell’interesse di tutti. Il Consiglio Direttivo, approvando le relazioni integrate dagli interventi che si sono succeduti ha riaffermato la necessità:

– di riconoscimento dell’Associazionismo degli italiani nel mondo e di un quadro di sostegno attivo alla propria insostituibile azione, obiettivo che dovrà essere assunto in questa legislatura;

– di un sostegno al rilancio qualificato del CGIE e dei Comites, cui il FAIM intende contribuire con l’apertura di confronti positivi sulle questioni prioritarie;

– in un contesto di grande crescita della presenza italiana all’estero e di nuova emigrazione, il nuovo Parlamento e il nuovo governo sono chiamati a dare risposte concrete su tutte le materie inerenti. É a tal proposito particolarmente apprezzabile la riconfermata importanza delle leggi di iniziativa popolare – su cui il mondo dell’emigrazione può impegnarsi – condividendo il richiamo alla centralità del Parlamento e al ritorno a una corretta e coerente produzione legislativa come recentemente affermato dal presidente della Camera;

– Maeci, Ministero del lavoro e Coordinamento delle Regioni: il FAIM è pronto a confrontarsi e a dare il suo contributo su tutte le più urgenti questioni; il coinvolgimento dell’associazionismo costituisce un indispensabile elemento di rafforzamento delle politiche attive e delle azioni rivolte ai connazionali, a partire dai bisogni di orientamento della nuova emigrazione fino alle opportunità di valorizzazione culturale, formativa ed economica, nella prospettiva del sistema paese;

– per tutto ciò il FAIM chiede di partecipare fin d’ora al gruppo di lavoro in preparazione della Conferenza Stato-Regioni-Provincie Autonome-Cgie, e alle altre iniziative in programma.

Il Consiglio direttivo del FAIM, approvando la relazione introduttiva integrata con i numerosi contributi emersi dalla discussione, ha accolto le diverse disponibilità di partecipazione alle attività delle aree e dei gruppi di lavoro (Comunicazione, Nuova Emigrazione, Immigrazione e Internazionalizzazione) attivi nel Comitato di Coordinamento. Si è avviato un percorso di forte impegno organizzativo che sboccherà il prossimo anno nello svolgimento di una “Conferenza di organizzazione” che consentirà di fare un bilancio del lavoro svolto e che preparerà il 2° Congresso all’insegna di un ampio rinnovamento.

Sono intervenuti nel dibattito: Max Civili, Gianni Garbati, Gianni Lattanzio, Massimo Angrisano, Pierpaolo Cicalò, Antonella Dolci, Giuseppe Abbati, Laura Albanese, Franco Dotolo, Roberto Volpini, Carlo Ciofi, Marcela Murgia, Luigi Papais, Giuseppe Mangolini, Guglielmo Zanetta, Goffredo Palmerini. Al termine della riunione il Consiglio Direttivo ha accolto le richieste di adesione di 16 nuove associazioni e approvato il bilancio consuntivo 2017 e preventivo 2018.

Comments